Operazione Legno Pulito

5

BRASILE – Manaus 17/11/2105. Ventisei aziende, tra cui una italiana, hanno acquistato e poi immesso sul mercato europeo legname venduto dalla compagnia “Madeireira Iller Ltda”, accusata di far parte di una rete di vendita illegale di legname, smantellata di recente dalla polizia federale brasiliana, nell’ambito dell’operazione “Legno Pulito”.

Lo denuncia il nuovo report di Greenpeace Brasile: “Partners in Crime”. Ai sensi del diritto comunitario, per prevenire l’immissione sul mercato di legname proveniente da operazioni di taglio illegale, le aziende europee sono tenute a esercitare la “dovuta diligenza”, prevista dal Regolamento Europeo del Legno (Eutr), che, tra le altre cose, proibisce di utilizzare legname venduto da aziende sospette. L’operazione “Legno Pulito”, indagine su larga scala, condotta dal procuratore federale di Santarém nello stato brasiliano di Pará, ha rivelato che la “Madeireira Iller Ltd” ha utilizzato documenti falsi per riciclare legname illegale. Questi documenti, ottenuti grazie alla complicità di funzionari corrotti supportati da un gruppo di intermediari, hanno permesso al legname illegale di lasciare il Brasile e arrivare in Europa.

Già nel maggio 2014 Greenpeace aveva denunciato la profonda corruzione presente nel settore del legno amazzonico in Brasile e quanto fossero comuni le pratiche di riciclaggio di legno illegale attraverso l’ottenimento di documentazione “ufficiale”. L’organizzazione ambientalista chiede alle autorità europee di far rispettare l’Eutr, facendo controlli su tutte le società che negli ultimi 18 mesi hanno importato in Europa il legname di “Madeireira Iller Ltda”, e sanzionando quelle compagnie che non fossero conformi ai requisiti previsti dallo stesso Regolamento.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSino pony express
Articolo successivoMeno crimine in Bahrein