BRASILE. Il MERCOSUR  cerca ancora l’accordo con l’UE

52

Il ministro degli Esteri uruguaiano Rodolfo Nin Novoa, il cui paese detiene la presidenza semestrale del Mercosur, ha dichiarato a Brasilia che il Mercosur è ancora impegnato a “chiudere” l’accordo commerciale con l’Unione europea quest’anno: «Abbiamo grandi aspettative di chiuderlo quest’anno, ma non pubblicheremo date di chiusura», ha detto Nin Novoa con le sue controparti in Argentina, Jorge Faurie; Paraguay, Luis Alberto Castiglioni, e il Brasile, Aloysio Nunes, che ha ospitato un incontro dei ministri degli Esteri dei quattro paesi del Mercosur.

Secondo Nin Novoa, se non ha potuto concludere i negoziati entro la fine dell’anno, la fine del processo rimangono in attesa per «i primi tre mesi del 2019», sarebbe preferibile per finire prima delle elezioni parlamentari europee previste per maggio. Il ministro degli Esteri uruguaiano ha spiegato che attualmente vengono analizzati “due livelli di problemi”, sia tecnici che politici: «Le questioni più complesse sono le asimmetrie in termini di accesso ai mercati che offrono da entrambe le parti», ha affermato. Come ha spiegato Nin Novoa, mentre il Mercosur offre agli europei un accesso più ampio ai loro mercati, l’Ue mette solo “alcune porzioni” sul tavolo, riporta El Diario de Caracas.

Ha anche sottolineato che «un altro problema è che l’Ue ha un livello di sussidi per la sua produzione che rende la negoziazione sfavorevole» per il Mercosur e che deve ancora essere discusso a livello tecnico. Nin Novoa non ha chiarito i punti “politici” che dovrebbero essere discussi, ma ha suggerito che la prossimità delle elezioni europee di maggio sono tra di loro, poiché un cambiamento nell’attuale composizione del Parlamento dell’Ue potrebbe influenzare le discussioni.

Il ministro degli Esteri uruguaiano ha quindi evitato di commentare le dichiarazioni del presidente francese Emmanuel Macron, che ha criticato la posizione adottata dal presidente eletto del Brasile, Jair Bolsonaro sull’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici. Secondo Macron, la Francia non sarà favorevole a “accordi commerciali globali” con quei paesi che criticano l’accordo di Parigi, come lo stesso Bolsonaro: «Non è opportuno che i ministri degli Esteri parlino delle dichiarazioni dei presidenti», ha detto Nin Novoa.

Maddalena Ingroia