BRASILE. Europea la gestione di 4 aeroporti brasiliani

84

A tre gruppi europei sono stati assegnati i diritti per operare gli aeroporti delle città brasiliane di Salvador, Fortaleza, Porto Alegre e Florianopolis, messi “all’asta” nei giorni scorsi.

La tedesca Fraport Ag ha vinto i diritti di gestione degli aeroporti di Porto Alegre e Fortaleza, rispettivamente, per 25 anni e 30 anni, mentre la francese Vinci Sa opererà dall’aeroporto di Salvador per i prossimi 25 anni, e la Svizzera Flughafen Zurich si è aggiudicata la concessione per gestire l’aeroporto di Florianopolis , anch’essa per 25 anni.

I tre gruppi, gli unici partecipanti all’asta, hanno fatto un’offerta per un totale di 3,7 miliardi di reais, circa 1,2 miliardi di dollari, superando il totale dell’offerta minima necessaria del 23 per cento.

Oltre ai pagamenti relativi alle diverse concessioni, i vincitori dell’asta alla Borsa di San Paolo si sono impegnati a investire 6,61 miliardi di reais per modernizzare ed espandere i quattro aeroporti e si sono impegnati a pagare al governo quasi 2,3 miliardi di reais in tasse operative.

La Flughafen Zurich aveva già una presenza in Brasile come membro del consorzio che gestisce l’aeroporto di Belo Horizonte.

Senza partecipanti brasiliani e con solo tre società in totale a presentare le proposte, i premi sono stati molto più bassi rispetto a una precedente asta di sei aeroporti fatta nel 2012 che ha attirato 11 consorzi.

L’asta, tenutasi il 16 marzo, fa parte di un ambizioso programma di privatizzazioni volto a ridurre il grande deficit di bilancio del Brasile e a stimolare l’economia in recessione di cui soffre il Brasile; si è trattato della prima infrastruttura di trasporto coinvolta in un’asta da quando è entrato in carica il presidente Michel Temer si è insediato nel mese di agosto.

I quattro aeroporti oggetto dell’asta gestiscono l’11,6 per cento del traffico passeggeri e il 12,6 per cento del traffico merci in Brasile.

Maddalena Ingrao