Brasile, in calo i profitti delle grandi compagnie aeree

70

TAM e Gol, compagnie aeree brasiliane, hanno annunciato che intendono prendere misure per promuovere le loro aziende, ivi compresi investimenti nelle flotte, segnalando l’aspettativa di un ritorno a forti profitti nei prossimi anni. Al momento però si registrano grosse perdite.

 

TAM ha acquistato quattro nuovi Boeing 777 da aggiungere alla sua flotta per migliorare la sua attività internazionale, che attualmente utilizza Airbus A330. TAM, recentemente si è fusa con Lan Chile per formare LATAM sta cercando di ottimizzare la sua flotta in modo efficiente, riducendo la sua capacità di rotta del sette per cento nel 2013, sulla cima di un taglio a due per cento nel 2012.

«A partire dal 2009 il settore ha visto crescere in modo significativo la domanda. Ma l’economia è ferma, quindi bisogna riadattare le strategie» ha detto Marco Bologna, TAM Airlines CEO. Gli obiettivi di crescita della compagnia sono molto lontani da quelli prefissati, i profitti stimati erano del 9%, mentre quelli realizzati per ora segnano un più 7%. L’altra compagnia aerea importante del Brasile, Gol, è in perdita segna un meno 354,6 milioni rais contro valore in dollari (US $ 174.800.000) nel secondo trimestre del 2012, risultati del tutto simili a quelli del 2011. Paolo Kakinoff nuovo amministratore delegato la società spera di girare le sorti. In un’intervista al quotidiano O Globo, ha detto che la società potrebbe passare a un nuovo “low cost- a tariffe migliori” modello di business (al contrario di “low cost-low fare”).

 

Gol Airlines ha annunciato un acquisto importante di aeromobili nonostante distacco grandi perdite nel 2012. Con il nuovo modello, i passeggeri potrebbero “personalizzare” il proprio volo, pagando per quello che usano – tra cui una serie di servizi aggiuntivi, e prevede di rafforzare le vendite estendendo la possibilità di acquistare cibo e bevande a bordo di tutti i voli . Gol prevede inoltre di ridurre i costi, anche per risparmiare carta attraverso piccoli biglietti e carte d’imbarco smartphone, e riducendo il peso in eccesso attraverso un uso più efficiente dell’acqua bagno – che moltiplicato per il numero di clienti che volano ogni giorno avrebbe generato “milioni di reais” a risparmio , sostiene Kakinoff. Gol ha annunciato la “più grande acquisto di aerei nella storia dell’aviazione sudamericana,” la firma di un accordo per acquistare 60 Boeing 737 Maxs, per un totale 6 miliardi di dollari, che dovrebbe iniziare entrare in servizio a partire dal 2018. Gol giustificato la mossa dicendo che le perdite della società sono temporanee e che i prezzi elevati del petrolio in futuro significava la flotta ha dovuto modernizzare attraverso nuove, più efficienti aerei. Sia TAM Gol e hanno registrato un calo dei profitti, che essi attribuiscono all’aumento del prezzo del petrolio, l’apprezzamento del dollaro e le tasse aeroportuali – così come il rallentamento generale dell’economia del Brasile.

Ma a preoccupare di più i due giganti del volo brasiliano sono i piccoli operatori: «Ancora più importante è che le piccole imprese hanno il vantaggio con piccoli aerei di essere più flessibili e arrivare laddove le grandi non possono». Tutto ciò porta a pensare che forse i due grandi vettori del Brasile dovrebbero unire le flotte e quindi dare vita a un’unica grande compagnia.