BRASILE. A rischio il 68% delle zone protette dell’Amazzonia

63

Il 68 per cento delle zone di protezione e conservazione dell’Amazzonia, compresi i territori indigeni, è minacciato dalle attività estrattive, dai progetti infrastrutturali, dalla costruzione di impianti idroelettrici e dalla deforestazione, secondo uno studio pubblicato mercoledì in Brasile dall’Instituto Socioambiental –  Isa. Secondo il rapporto, ripreso da Efe, le attività di estrazione mineraria e petrolifera stanno mettendo a rischio il 22 per cento di quelle zone, per un totale di circa 87 milioni di ettari nella regione amazzonica.

Lo studio si basa su un’analisi che identifica le pressioni e le minacce all’Amazzonia derivanti da progetti di infrastrutture di trasporto, energia (centrali idroelettriche) e industrie estrattive (estrazione e sfruttamento del petrolio), così come l’incenerimento incontrollato delle foreste e la deforestazione in generale.

Preparato dalla Amazonica Network for Socioenvironmental Georeferenced Information (Raisg) – un gruppo tecnico composto da organizzazioni di sei paesi della regione amazzonica (Bolivia, Brasile, Colombia, Ecuador, Perù e Venezuela) – il rapporto è stato pubblicato in Brasile dall’Isa, una delle organizzazioni non governative che compongono la rete.

Dall’analisi è emerso che le industrie minerarie e petrolifere sono quelle che hanno il maggior peso nella regione “pan-amazzonica”, cioè nei territori protetti dalle leggi nazionali di Brasile, Venezuela, Colombia, Ecuador, Perù, Bolivia, Guyana, Suriname e Guyana francese, che insieme hanno progetti che potrebbero interessare 208 milioni di ettari nella regione. Anche se le minacce includono attività minerarie illegali, che sono presenti in tutta la regione, lo studio sottolinea che i rischi provengono anche da progetti estrattivi approvati dai vari governi, molti dei quali hanno operato senza la necessaria consultazione con le popolazioni che ne sono interessate o che ne subiscono l’impatto.

Il Brasile è in testa alla lista, con progetti estrattivi in fase di sviluppo o in procinto di iniziare a colpire più di 117 milioni di ettari, di cui 108 milioni di ettari di miniere. Seguono il Perù e la Colombia, con progetti dell’industria estrattiva che incidono rispettivamente su 21 milioni e 20 milioni di ettari. Per quanto riguarda le vie di trasporto, di cui 136.000 chilometri sono stati tracciati nell’area della rete, circa il 20 per cento viene intrapreso in aree naturali protette e territori indigeni.

Secondo il rapporto, c’è un collegamento diretto tra l’espansione delle strade e l’eliminazione della vegetazione autoctona. Il progetto di ricerca Dinamiche spazio-temporali della deforestazione in Amazzonia brasiliana, citato nello studio, ha scoperto che la maggior parte della deforestazione in Brasile si verifica vicino alle strade.

Nel caso della Colombia, il rapporto dice che dopo la firma del patto di pace con il governo i guerriglieri delle Farc hanno cessato l’occupazione di punti strategici di ingresso nella giungla amazzonica e, poiché la presenza dello stato è “quasi zero” in quelle zone, ciò ha facilitato una “rapida apertura di nuove rotte e il completamento di altre” costruite prima dell’accordo.

Per quanto riguarda la Bolivia, il rapporto cita le minacce al parco nazionale TIPNIS e al territorio indigeno, una delle 22 aree nazionali protette che coprono 1,3 milioni di ettari.

Secondo lo studio, questa riserva ambientale, dove vivono 12.000 membri delle tribù Mojeño, Yuracare e Chimane, è minacciata dall’espansione delle piantagioni di coca e dalla costruzione della nuova autostrada Villa Tunari attraverso il cuore del territorio per collegare le province di Cochabamba e Beni.

Un altro rischio per la regione è rappresentato dai progetti energetici. Secondo il rapporto, dei 272 grandi centri idroelettrici in Amazzonia che sono in fase di progettazione, costruzione di fasi operative, 78 sono all’interno dei territori indigeni e 84 sono all’interno di aree naturali protette.

Luigi Medici