BP, non potrà più partecipare alle aste pubbliche USA

48

USA- Washington. BP Plc (BP /) ha accettato di dichiararsi colpevole dalle accuse penali, in merito al disastro ecologico dovuto alla fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico. A seguito di ciò la Environmental Protection Agency ha stabilito che BP non potrà più partecipare a nuove aste pubbliche negli USA. 

 

Il Dipartimento dell’Interno ha anche detto che non assegnerà BP eventuali contratti di locazione tramite aste, a  partire da quelle svolte il 28 novembre. BP sarà riammessa alla partecipazione di gare d’appalto governative non appena il governo statunitense interromperà la sospensione del contratto.

L’EPA ha detto che il divieto è stato imposto a causa dei comportamenti aziendali durante il disastro della Deepwater Horizon 2010 in cui BP ha mostrato una mancanza di integrità aziendale. L’azione, che non concerne i contratti esistenti, resterà fino a quando BP non soddisferà gli standard aziendali definiti dal governo. L’EPA ha definito l’incidente che ha ucciso 11 persone il più «grande disastro ambientale nella storia degli Stati Uniti». Il colosso britannico ha accettato di pagare una sanzione di 4 miliardi e 500 milioni di dollari. Di cui un miliardo e 256 milioni di dollari in veste penale.