STATO ISLAMICO: MORTE DI UNO STATO MAI NATO?

22

ITALIA – Bologna, 05/02/2016. Per il ciclo “Aspettando Mondovisioni / BO”, in collaborazione con AGC Communication, Ruvido Produzioni e Civico32, Kinodromo propone la proiezione di “ISIS: Morte di uno Stato mai nato?”, un documentario prodotto da Ruvido Produzioni scritto da Riccardo Mazzon, Graziella Giangiulio e Antonio Albanese.

Il documentario, il secondo del suo genere prodotto in Italia, interpreta e spiega la vita nel Califfato. Lo fa attraverso i filmati di propaganda prodotti da Daesh, noto anche con il nome di: Isis, Isil, Is, Stato Islamico.
Il documentario nasce dal lavoro di ricerca di un team di giornalisti e analisti di Agc Communication che da oltre tre anni cattura gli audio e i video postati in rete, in chiaro, prima che vengano oscurati dalle autorità.
“ISIS: morte di uno Stato mai Nato?” va in controtendenza rispetto alla censura dei media occidentali che, nell’intento di bloccare la propaganda, sono diventati ciechi di fronte a una realtà afferrabile solo attraverso la propaganda stessa. Sì, perché l’unico modo per capire un fenomeno, è l’osservazione e lo studio e non la censura.
La propaganda di Daesh arriva nelle case degli interessati, giovani tra i 13 e i 25 anni, tramite i social network. Una propaganda sottile che giustifica gli attentati di Parigi del 13 novembre scorso asserendo che sono una risposta ai bombardamenti francesi in Siria e Iraq cominciati il 27 settembre anche se, a dire il vero, le minacce alla Francia da parte di ISIS sono iniziate già nel 2014.
A seguire ci sarà spazio per commentare il documentario con gli autori del film di Agc Communication.