BOLIVIA. Morales: “Abbiamo dimostrato che si governa anche senza il FMI”

98

In una intervista concessa all’agenzia Anadolu, l’ex presidente boliviano in esilio Evo Morales ha avuto parole forti per gli Stati Uniti. Ha detto che quando la polizia e le forze armate si sono unite in un colpo di stato contro il suo governo alla fine dell’anno scorso, non ha avuto altra scelta se non quella di dimettersi per evitare uno scontro che sarebbe costato molte vite. Gli Stati Uniti pensano di aver «acquisito il diritto di fare un colpo di stato ovunque ci siano presidenti progressisti e governi di sinistra (…) La prima cosa che il presidente Donald Trump ha fatto nel mio processo di dimissioni è stato congratularsi con le forze armate boliviane per la loro partecipazione al colpo di Stato. E ora gli Stati Uniti sono i primi a riconoscere la putschista Jeanine Anez, la dittatrice», ha detto.

Anez, politica conservatrice, era vicepresidente del Senato ed è diventata presidente ad interim quando Morales è fuggito in Messico, dove gli era stato concesso l’asilo. Ha indicato una logica economica dietro la sua cacciata, richiamando l’attenzione sulle politiche che ha sostenuto durante i tre mandati in carica: «E il nostro peccato, il nostro crimine, è di aver dimostrato che la Bolivia può svilupparsi senza il sistema capitalista, senza il Fmi», ha aggiunto Morales.

Il primo presidente indigeno della Bolivia aveva ottenuto un quarto mandato nell’ottobre 2019, ma è stato immediatamente ostacolato dalle accuse di frode dell’Organizzazione degli Stati americani. Morales si è dimesso poi il 10 novembre sotto pressione militare ed è fuggito dal paese, prima in Messico e poi in Argentina, dove è rimasto come rifugiato politico dal 12 dicembre.

Secondo Morales, l’Osa ha commesso i veri brogli alle elezioni del 20 ottobre:«Il rapporto Osa dice che sono state riscontrate irregolarità in 226 urne su 35.000. È meno dello 0,5%. Lo sommiamo. Se ci fossero state irregolarità in 226 urne e se avessimo registrato tutti i voti delle 226 urne al partito di opposizione Comunidad Ciudadana che è arrivato secondo, avremmo comunque vinto al primo turno. Ma se ci fossero state irregolarità, ciò che si doveva fare dal punto di vista giuridico, era rinnovare le elezioni per quei seggi. Questa è stata la decisione del Tribunale supremo elettorale. Ma hanno preso una decisione politica e hanno rubato l’elezione, piuttosto che una decisione legale o tecnica», ha detto Morales.

Morales ammette che: «Forse è stato un errore accettare di candidarsi di nuovo», riferendosi a una decisione della Corte costituzionale che gli ha permesso di candidarsi nel 2016. «Ma c’è stata una decisione della Corte Costituzionale. E anche in Bolivia tutto andava bene: crescita economica, riduzione delle disuguaglianze, riduzione della povertà e, soprattutto, stabilità politica», ha detto.

Morales ha detto che il suo piano immediato è di tornare in Bolivia e poi capire cosa fare dopo.

Maddalena Ingrao