BOLIVIA. La Paz scommette sui fertilizzanti naturali

65

La Bolivia sta scommettendo su un fertilizzante a base di gas naturale – di cui la nazione andina dispone di enormi riserve – per aumentare la produzione vinicola nella regione meridionale di Tarija.

Secondo quanto riporta Efe, il presidente boliviano Evo Morales si è recato nella città di Tarija per inaugurare un punto di vendita e estrazione di urea installato dalla società statale Ypfb, che opera nel settore del petrolio e del gas. Con una superficie totale di 109.847 ettari, si prevede che Tarija consumerà fino a 11.000 tonnellate di urea all’anno, da tre a sei volte i livelli attuali, e Ypfb prevede di fornire il fertilizzante ai coltivatori di uva, canna da zucchero, patate e mais, tra le altre colture.

I test Ypfb condotti a Tarija hanno evidenziato un aumento dei raccolti fino al 74% per l’uva, al 79% per la canna da zucchero e al 119% per le colture di patate. «Studieremo come migliorare la produzione di urea», ha detto Morales, osservando che la Bolivia era un importatore di fertilizzanti, mentre ora è un esportatore: «Sono sicuro che sarà di grande aiuto». Il governo boliviano ha concluso un accordo a gennaio per vendere fino a 335.000 tonnellate di urea all’anno al Brasile per più di 100 milioni di dollari, e sta cercando di concludere accordi con l’Argentina e il Paraguay per altre 120.000 tonnellate.

L’impianto petrolchimico Bulo Bulo, inaugurato lo scorso anno, ha una capacità produttiva di 2.100 tonnellate di urea e 1.200 di ammoniaca al giorno e almeno l’80 per cento della produzione è destinato all’esportazione.

La regione di Tarija è famosa per la sua produzione di vino e singanis, un tipo di brandy a base di uve bianche, e i suoi vigneti in alta quota sono gli stessi di quelli di Argentina e Cile.

Maddalena Ingroia