BOLIVIA. Elezioni sospese per Covid19

97

La massima autorità elettorale boliviana ha chiesto una nuova data per le elezioni presidenziali del paese, dicendo che il voto del 3 maggio è diventato irrealizzabile dopo che il governo ha imposto un blocco nazionale di due settimane per contenere la diffusione del coronavirus. Il Tribunale supremo elettorale ha dichiarato il 21 marzo di voler sospendere il processo elettorale per due settimane e ha invitato i partiti politici, il governo e il Congresso a scegliere una nuova data per il voto.

Il provvedimento si è reso necessario a causa di una situazione globale “senza precedenti”, ha detto il tribunale in una dichiarazione su Twitter, ripreso da Bloomberg. Il Paese andino è andato in totale isolamento il 22 marzo per arginare la diffusione del coronavirus, mentre la presidente Jeanine Anez ha ordinato alle persone di rimanere nelle loro case e di uscire solo per comprare beni di prima necessità o per vedere un medico. La Bolivia ha confermato 19 casi di coronavirus.

Il tribunale ha detto che collaborerà con tutti i partiti politici e le organizzazioni del paese per stabilire quando tenere le elezioni. La presidente ad interim Jeanine Anez ha detto ai giornalisti che la misura della quarantena inizierà domenica e si protrarrà fino al 4 aprile. All’inizio della settimana la Bolivia aveva chiuso le frontiere e cancellato tutti i voli internazionali.

Anez ha detto che supermercati, ospedali, banche e farmacie continueranno a funzionare normalmente durante la quarantena. Il governo fornirà pagamenti in contanti alle famiglie bisognose con bambini a partire da aprile, ha poi aggiunto.

La Bolivia, quindi, sprofonda nel caos politico da quando le elezioni presidenziali di ottobre si sono concluse con una vittoria, durata molto poco, del leader socialista Evo Morales, che si è poi dimesso ed è fuggito dal Paese alla luce di accuse di frode e tra violente manifestazioni di piazza. A Morales, che oggi vive in esilio in Argentina, il mese scorso il sistema giudiziario boliviano ha impedito di candidarsi al senato.

Maddalena Ingrao