I giovani contro Boko-Haram

48

NIGERIA – Borno. 06/09/14. Migliaia di giovani, il 4 settembre, affollavano le strade di Maiduguri per protestare contro la crescente ondata di attacchi nella regione del Borno di Boko Haram.

I giovani, si sono ritrovati nella Piazza di Ramat, poi si sono trasferiti a palazzo del Shehu nel Borno. Il loro Leader, Alhaji Abubakar Elkanemi, ha detto che erano disposti a confrontarsi con il gruppo terroristico se viene dato loro il via libera. Hanno detto che il passaggio al palazzo era solo per avere la benedizione ad andare a combattere contro Boko Haram. I giovani che comprendono principalmente i membri della Joint Task Force civile, hanno dichiarato di aver deciso di entrare nella Foresta di Sambisa e altri covi di terroristi per dar loro la caccia e porre fine agli attacchi. Il re ha elogiato gli oltre 10.000 giovani che protestano e li ha consigliati di rispettare sempre la legge. Egli ha anche esortato i giovani a seguire sempre le direttive delle agenzie di sicurezza militari e di altri nello svolgimento dei loro compiti.

Il monarca ha detto, «Voglio ringraziarvi per questa visita e gli sforzi che state insieme e volontariamente mettendo in al fine di combattere Boko Haram che è intenzionato a distruggere non solo le nostre strutture sociali ed economiche, ma uccide persone innocenti». «Voglio fare appello anche a voi che si dovrebbe desistere dalla politica, religiosa o considerazioni etniche nello svolgimento dei doveri verso la patria». «In tutto ciò che si sta facendo, è necessario assicurarsi e consultare tutte le altre agenzie di sicurezza in modo che si lavori fianco a fianco per porre fine a questo terrorismo che ci sta distruggendo come nazione». Il Coordinatore della JTF civile, Mallam Abba Kalli, ha detto ai giornalisti che erano al palazzo del Shehu di cercare il suo consiglio paterno.
Egli ha aggiunto che erano ottimisti che con i loro bastoni (Gora) e le braccia locali, che avrebbero saccheggiare tutti nascondigli terroristici e uccidere gli insorti se veniva concesso loro il permesso. Kalli ha anche detto, «La JTF civile è ora più motivata con il supporto e la garanzie ricevute da militari in pensione, i cacciatori locali e di altri cittadini patriottici che hanno espresso la loro volontà di unirsi al gruppo per porre fine alla follia perpetrate da terroristi di Boko Haram in Nord Est».
Tuttavia ha espresso costernazione nell’apprendere che presidente Goodluck Jonathan non sta sostenendo la JTF civile i cui membri «stanno sacrificando la loro vita nella lotta per porre fine insurrezione nel Nord-Est». Da Maiduguri centinaia di civili stanno fuggendo per paura che potrebbero anche essere attaccati da Boko Haram. Apprensione tra i residenti Maiduguri, secondo la agenzia di stampa Reuters, è cresciuta dopo i feroci combattimenti tra l’esercito e Boko Haram in Bama.
L’Assistente del Segretario di Stato, degli Stati Uniti, Linda Thomas-Greenfield, ha lamentato che Boko Haram opera liberamente nel Nord-Est e ha dimostrato che essa ha avuto anche la capacità di colpire a Kano, Abuja e altrove. Thomas-Greenfield, in un incontro con i funzionari del governo federale il giovedì, ha aggiunto che Washington è turbato dalla “apparente cattura di Bama” nella regione del Borno da parte di Boko Haram. Gli Stati Uniti si stanno preparando a lanciare un programma di “maggiore” sicurezza delle frontiere per aiutare la Nigeria e i suoi vicini a combattere il crescente numero e la portata di attacchi da parte degli insorti.
«Boko Haram ha dimostrato che può funzionare non solo nel Nord-Est, ma a Kano, ad Abuja, e altrove. Siamo molto turbati dall’apparente acquisizione di Bama e le prospettive di un attacco e in Maiduguri, che imporrebbe un tributo enorme sulla popolazione civile». Hanno riferito fonti americane. L’esercito ha negato che Bama era stata invasa, il senatore che rappresenta Borno centrale nell’Assemblea Nazionale, Ahmed Zannah, ha insistito mercoledì che gli insorti avevano il controllo della città. Thomas-Greenfield, che guida il team di Washington gli affari africani, ha detto alla riunione che la recrudescenza della violenza «costituisce una grave minaccia» per la Nigeria. L’affermazione del leader Boko Haram, Abubakar Shekau, che la città di Gwoza era ormai una parte di un califfato islamico «aggiunge solo alla percezione che la situazione della sicurezza è in costante peggioramento», ha aggiunto. A quanto si apprende da fonti locali nelle mani di Boko Haram ci sarebbero le città di: Bara e Gulani nella regione di Yobe. Alla fine del mese scorso, circa 480 soldati nigeriani hanno abbandonato i loro posti e sono fuggiti in Camerun durante uno scontro a fuoco con i militanti, ma la sede centrale di difesa descritti la loro azione come “manovre tattiche”.