BLOCKCHAIN. Fujitsu e l’approccio human centric

63

Il conglomerato giapponese Fujitsu ha lanciato un servizio che valuterà la fattibilità di qualsiasi progetto di blockchain pianificato e lo farà entro una settimana e per un costo di soli 10.000 dollari.

Il servizio “Minimum Viable Product”, destinato alle organizzazioni che vogliono avviare un nuovo progetto di sviluppo Blockchain o scalare i rischi di un progetto esistente, valuterà se un progetto ha il potenziale per essere preso in considerazione per un investimento su larga scala e per la sua realizzazione. 

L’approccio “Proof of Business” viene realizzato prima che il progetto affronti il processo di Proof of Concept completo, si concentra sulla creazione di valore di business in modo da evitare, dice Fujitsu ripresa da Asia Times, le insidie che molti progetti di blockchain comportano. 

Tutti i progetti saranno valutati per verificare se contengono un valore sufficiente per essere effettivamente finanziati, se presentano un potenziale futuro sufficiente per mantenere fede a quanto promesso agli utenti e se possono fornire un ciclo di feedback sufficientemente forte da consentire un forte sviluppo futuro. 

Le valutazioni saranno condotte da «esperti globali della blockchain» della stessa Fujitsu, che si dice portino intuizioni e idee, ma anche know-how tecnico e «metodologie di trasformazione rapida» che si basano sul processo Human-Centric Experience Design di Fujitsu. In pratica un gruppo di uomini esperti di buon senso valuta i progetti. L’Human-Centric Experience Design è diventato un punto focale strategico per Fujitsu, prima in Giappone e ora a livello globale. Fujitsu dice che rende il processo creativo più veloce e anche «accelera la trasformazione globale».

Il processo è utilizzato in centinaia di progetti di trasformazione digitale di Fujitsu e costituisce anche la “piattaforma di base” per la rete globale dei suoi Centri di Trasformazione Digitale, tra cui il suo Centro di Innovazione Blockchain in Belgio.

Fujitsu si considera un innovatore leader mondiale nel campo delle blockchain, è anche membro di spicco del consorzio globale Hyperledger Fabric, composto dalle principali organizzazioni tecnologiche e commerciali del mondo, che lavorano in collaborazione per sviluppare applicazioni aziendali intersettoriali basate proprio blockchain.

Antonio Albanese