BITCOIN. Vasta operazione antifrode cripto negli USA e in Canada

90

Le autorità di regolamentazione americane e canadesi hanno avviato decine di indagini su presunte truffe cripto-valutarie.

Una task force nota come “Operation Crypto-sweep” è stata convocata dalla North American Securities Administrators Association, Nasaa. Da aprile scorso, ha avviato 70 indagini, 35 delle quali sono già state portate a termine o sono in corso di esecuzione. Finora la Nasaa, che è un gruppo di autorità di regolamentazione dei valori mobiliari a livello statale statunitensi e canadesi che si adoperano per proteggere gli investitori dalle frodi, non ha fornito alcuna indicazione in merito al contenuto degli sviluppi investigativi. 

Le azioni intraprese fino ad oggi «sono solo la punta dell’iceberg», ha detto Joe Borg, presidente della Nasaa e direttore della Securities Commission dell’Alabama, in una conferenza stampa a Washington, ripresa da Asia Times. Le autorità di regolamentazione di 44 giurisdizioni hanno finora inviato 32 serie di lettere di cessazione dell’attività a decine di entità o individui, nonché altre 14 serie di “lettere di richiesta di informazioni”. Alcune lettere denunciano le frodi, mentre altre accusano i destinatari di offrire “titoli non registrati”. Le lettere di richiesta di informazioni, inviate ad alcuni dei più grandi scambi di valuta criptata del mondo, facevano parte delle azioni avviate in aprile dal procuratore generale dello Stato di New York, Eric Schneiderman.

Il Procuratore generale ha poi inviato questionari a 13 grandi borse valori, tra cui Binance e Coinbase, chiedendo chi li possiede, come commerciano e come addebitano i costi.

L’operazione Crypto-sweep vedrà ora molteplici autorità di regolamentazione statali e provinciali coordinare le loro azioni a fianco delle agenzie federali, in particolare la Securities and Exchange Commission e la Commodity Futures Trading Commission.

Le autorità di regolamentazione che lavorano all’operazione Crypto-sweep stanno ora chiedendo al pubblico nordamericano di fornire informazioni su altre truffe potenziali, esortando anche gli investitori a essere vigili nella ricerca di investimenti in questo settore.

Graziella Giangiulio