BITCOIN. Taiwan pensa al pugno di ferro

61

Secondo la Cina, Taiwan sta progettando di introdurre un nuovo quadro normativo per la cripto-valuta entro la fine di quest’anno. Il ministro della Giustizia Qiu Taisan ne ha chiesto l’entrata in vigore entro novembre, citando come motivo la prevenzione del riciclaggio di denaro. L’intenzione è quella di far entrare in vigore i regolamenti prima che l’Anti Money Laundering – Aml visiti il Paese per valutare le norme antiriciclaggio esistenti. 

Secondo la Taiwan Central News Agency, l’obiettivo per la Banca centrale del paese, il ministero degli Interni e il suo Ufficio di presidenza è regolare il Bitcoin e le altre cripto-valute. L’annuncio è stato fatto in una conferenza sul riciclaggio organizzata dalla Taiwan Financial Services Coalition, riporta Asian Times. Il controllo del Bitcoin e delle valute digitali si concentrerà principalmente sulla prevenzione del riciclaggio di denaro. Come parte del quadro antiriciclaggio di Taiwan, il Fsc ha chiesto alle banche di etichettare i conti Bitcoin come “clienti ad alto rischio”. Alle istituzioni finanziarie è stato anche chiesto di avvertire i clienti circa i rischi di investire in cripto-valute e il mese scorso la banca centrale di Taiwan ha espresso “incertezza” sulla funzione della moneta digitale come strumento di pagamento.

Molti commercianti e aziende hanno lasciato la Cina a causa dell’approccio duro di Pechino sulle valute virtuali e gli investitori sono migrati a Taiwan inondando il mercato di fondi criptati cinesi.

Molte nazioni asiatiche stanno adottando un approccio duro e stanno cercando di reprimere l’uso di cripto-valute. Taiwan è ancora relativamente neutrale, mentre Giappone, Hong Kong e Singapore rimangono i centri degli investimenti in blockchain e cripto, Cina, India e Thailandia li stanno reprimendo.

Alla fine del 2017, la Commissione di vigilanza finanziaria di Taiwan ha detto al parlamento che il paese non avrebbe seguito le orme della Cina con il divieto assoluto delle valute digitali e Taiwan fino ad ora ha preso una posizione più liberale nei loro confronti.

Tommaso dal Passo