BITCOIN. Sta per nascere la cripto basata dal dollaro

135

Circle, la società di pagamenti sostenuta da Goldman Sachs, alla fine di febbraio, è entrata in modo significativo nel mercato crypto, acquisendo la borsa di scambio statunitense Poloniex.

Circle Internet Financial afferma che ora costruirà ciò che molti hanno promesso ma non realizzato: l’“internet del valore”, riporta Asia Times. Questa dichiarazione è stata fatta il 14 maggio sul blog della società insieme alla volontà di introdurre una cripto-valuta basata sul dollaro statunitense. 

Nel mondo crypto, simili operazioni sono note come “monete stabili” in quanto sono sostenute da riserve valutarie effettive della banca centrale e questo dovrebbe superare la volatilità e le fluttuazioni selvagge che hanno ostacolato l’industria delle monete digitali. 

La nuova moneta, lo Usdc, sarebbe ancorata al dollaro, attualmente, manca un mezzo di cambio e di memorizzazione del valore stabile rispetto al prezzo. Il framework per la nuova valuta virtuale è in fase di sviluppo da parte di Centre, che fornirà una supervisione indipendente dell’offerta di Circle. 

La società sostiene che le monete stabili esistenti sono prive di “trasparenza finanziaria e operativa” facendo riferimento a Usdt, o Tether, altra stablecoin sostenuta dagli Stati Uniti che dice di avere una capitalizzazione di mercato di 2,2 miliardi di dollari, ma è stata continuamente posta in discussione perché deve dimostrare l’esistenza delle sue riserve dichiarate.

Circle e Centre affermano che stanno affrontando questi problemi garantendo trasparenza finanziaria e operando nell’ambito del quadro normativo statunitense. Il progetto prevede inoltre l’istituzione di partner bancari e revisori dei conti; le monete Usdc saranno emesse come gettoni Erc20 sulla base della rete Ethereum. L’azienda ha anche annunciato di aver concluso una partnership strategica con il fornitore di hardware Bitcoin di Pechino, Bitmain, che sta guidando un investimento strategico di 110 milioni di dollari in Circle.

Bitmain ora aiuterà a introdurre più stablecoin in modo che la piattaforma abbia “interoperabilità finanziaria” in tutto il mondo.

Lucia Giannini