BITCOIN. L’Interpol denuncia il legame tra criptomonete e cyberwarfare

115

Nonostante le polemiche sulla scelta del nuovo direttore, l’Interpol e  il mondo sono inondati da varie forme di criptocriminalità che vanno dalle truffe della commutazione Sim compiute da hacker crittografi a schemi molto più elaborati e possibili cospirazioni come quella ora sotto inchiesta che coinvolgono potenziali attività di trading sospette, suggerendo una strana sinergia tra le transazioni Tether e Bitcoin.

Come riporta Asia Times, paesi come la Corea del Nord, la Cina, la Russia e l’Iran stanno dedicando notevoli risorse umane per una varietà di scopi e sono sicuramente tra gli obiettivi del procuratore generale delegato degli Stati Uniti Rod Jay Rosenstein. L’unità 121 del Reconnaissance General Bureau della Corea del Nord sovrintende a gran parte delle attività di vasta portata della Corea del Nord in materia di cyberwarfare e criminalità informatica. Per più di un decennio, l’Unità 121 ha condotto decine di attacchi informatici, 77 attacchi solo nel 2009, e ha costantemente perfezionato la sua capacità offensiva di infiltrarsi e paralizzare le infrastrutture critiche in tutto il mondo, comprese le reti di telecomunicazioni, di energia elettrica e di trasporto.

La Corea del Nord trarrebbe enormi benefici dal fatto che il suo esercito di hacker informatici opera da siti in tutto il mondo, e può essere trovato in Nord America, Cina, Europa e altrove.

Rosenstein ha sottolineato che «la Corea del Nord pratica il proprio mestiere in condizioni reali, come hackerare siti di cripto-valuta o rubare informazioni. Queste esercitazioni ripetute aiutano a migliorare le loro abilità». Il 18 novembre, il vice-procuratore generale Rod Rosenstein ha tenuto un discorso all’87a Assemblea generale dell’Interpol a Dubai, che ha toccato molte preoccupazioni e priorità delle forze dell’ordine internazionali.

Durante la sua presentazione, Rosenstein ha messo in guardia su cybercriminali e hacker cripto, attori statali o meno, e ha proclamato che, tra le altre cose, «non dobbiamo permettere ai cybercriminali di nascondersi dietro le valute cripto (…) I cattivi attori li usano per finanziare i crimini e per nascondere i proventi illeciti. Ad esempio, il Bitcoin è stato il metodo esclusivo di pagamento per l’attacco al ransomware WannaCry che si è diffuso in tutto il mondo, causando miliardi di dollari di perdite (…) Inoltre, i truffatori usano l’attrazione delle offerte di monete e la promessa di nuove valute per incassare investitori ignari, promuovere truffe e impegnarsi in manipolazioni del mercato. Le sfide di regolare, cogliere e rintracciare le valute virtuali richiedono una risposta multinazionale. Dobbiamo lavorare insieme per chiarire che lo stato di diritto può raggiungere l’intera blockchain (…)

Per evitare che la moneta virtuale venga usata in modo improprio da criminali, finanziatori del terrorismo o evasori di sanzioni, tutti noi dobbiamo attuare politiche che riducano i rischi posti dalla nuova tecnologia. Il mio paese include le valute virtuali nelle nostre norme anti-riciclaggio (…) E la Financial Action Task Force  esorta tutte le nazioni a chiarire che gli standard globali anti-riciclaggio di denaro sporco si applicano ai prodotti e ai fornitori di servizi di valuta virtuale. Dobbiamo guardarci dagli abusi della moneta digitale».

Maddalena Ingroia