BITCOIN. I conglomerati controllano il settore crypto sudcoreano

41

Bithumb alla fine della scorsa settimana è stato venduto, al 51%, ad un consorzio guidato da BK Global Consortium di Singapore per circa 354 milioni di dollari.

Secondo Reuters e coinmarketcap, Bithumb è una delle più grandi borse cripto della Corea con un volume giornaliero di scambi di oltre un miliardo di dollari. 

Il consorzio, poi, riporta Asia Times, è guidato da Kim Byung-gung-gun, chirurgo plastico e investitore della piattaforma blockchain. Ora è diventato il più grande sostenitore nella crittografia coreana. Kim Byung-gung-gun, secondo media locali, avrebbe dimostrato grande capacità di gestione multinazionale nel campo dell’assistenza medica, fintech e blockchain a Singapore e quindi sarebbe la persona giusta per gestire la sistematizzazione e la globalizzazione dello scambio di valuta virtuale; Kim ha già annunciato l’intenzione di aprire “Bithumb Dex”, uno scambio decentralizzato, attraverso la sua filiale di Hong Kong entro ottobre.

Bithumb, nonostante una serie di violazioni della sicurezza, si è assicurata la sua posizione come uno dei principali scambi di valuta criptata della Corea del Sud, insieme a Upbit. I media locali del settore cripto hanno detto che gli investitori sudcoreani sono ottimisti sull’acquisizione di Bithumb perché significa che tutte le principali borse della Corea del Sud sono ora gestite da grandi conglomerati. Questo fornisce un ulteriore strato di liquidità e sicurezza in quelle che attualmente sono condizioni di mercato molto instabili. Upbit è gestito da Kakao, il più grande conglomerato internet coreano; la più grande banca commerciale del paese, Shinhan, gestisce Gopax; e Korbit è gestito da Nexon, una società internazionale di videogiochi sudcoreana.

Uno dei vantaggi che le borse Korbit, Upbit e Gopax hanno su Bithumb è che non sono mai state violate a causa di una particolare attenzione alla sicurezza e alla protezione degli investitori. I conglomerati sudcoreani devono sforzarsi di proteggere il loro marchio e il loro nome per garantirsi la fedeltà dei consumatori e degli investitori.

Graziella Giangiulio