BITCOIN. Dura una settimana il primo e unico bancomat crypto 

260

La polizia sequestra il primo bancomat Bitcoin dell’India. La politica anti-cripto dell’India ha visto l’arresto del co-fondatore di Unocoin crypto exchange e il sequestro di un bancomat Bitcoin la scorsa settimana. Si trattava del primo bancomat Bitcoin in India ed è rimasto in funzione per poco più di una settimana. Secondo i media locali, ripresi da Asia Times, è stato anche arrestato un uomo di 37 anni per aver gestito il bancomat che era situato nella capitale dello stato Karnatakan del Bengaluru, la Silicon Valley dell’India. 

Sathvik Viswanath, co-fondatore di Unocoin, ha detto che era perfettamente legale per gli indiani comprare e vendere Bitcoin e cripto-valuta: «Abbiamo ricevuto un sacco di cattiva stampa dopo che il ministro delle Finanze ha annunciato il divieto nel febbraio 2018. La dichiarazione del ministro era chiara: le valute Crypto non hanno corso legale in India. Non ha detto “gara d’appalto illegale”. C’è una differenza enorme. Significa che si sopporta il rischio del proprio investimento e non c’è alcuna regolamentazione per l’industria».

Tuttavia, il ministro delle Finanze e degli Affari Societari, Arun Jaitley, è di diverso parere: «Il governo non le considera moneta a corso legale e prenderà misure necessarie per eliminare l’uso di queste criptovalute nel finanziamento di attività illegittime», aveva detto nel suo discorso sul bilancio all’inizio di quest’anno.

Ciò che è chiaro è che le autorità indiane non sono interessate alla crittografia. Le continue restrizioni imposte dalla Reserve Bank of India sui cambi cripto e sui conti bancari utilizzati per il commercio di attività digitali ha lasciato l’industria nei guai. Il termine di tre mesi per gli scambi per adire la Corte Suprema fissato dalla Rbi nel mese di luglio è trascorso e le restrizioni sono ancora in vigore. La causa è stata rinviata di nuovo e l’ecosistema indiano delle cripto sta crollando.

Alla fine del mese scorso Zebpay, il più antico e più grande scambio dell’India, ha chiuso i battenti. In un post di un blog si diceva: «Il blocco dei conti bancari ha paralizzato la nostra, e quella dei nostri clienti, capacità di operare in modo significativo. A questo punto, non siamo in grado di trovare un modo ragionevole per condurre l’attività di cambio criptovalutario. Di conseguenza, interrompiamo le nostre attività di cambio».

Il volume degli scambi commerciali in India è crollato, ma da allora gli utenti sono passati a metodi alternativi come il peer-to-peer trading, proprio come le loro controparti cinesi che devono affrontare simili restrizioni.

Graziella Giangiulio