BITCOIN. Blockchain addio

549

La tecnologia ora universalmente indicata come “blockchain” potrebbe un giorno cessare di esistere, o più probabilmente, trasformarsi in qualcosa di ancora più promettente.

A fare questa profezia, ripresa Sputnik, è Will Murphy, vice presidente per il BlockChain a Talla. com, che gestisce Botchain, il quale ha previsto che, in meno di quindici anni, la tecnologia che oggi conosciamo come blockchain avanzerà ad un tale livello, che le due parti del suo nome,”blocco” e “catena”, non saranno più giustificata.

Murphy prevede che la parte block non sarà più necessaria nei prossimi anni e sarà sostituita da un sistema in cui le transazioni saranno collegate tra loro e saranno in grado di confermare le transazioni precedenti.

Su Coindesk, Murphy ha scritto che «sarà uno sforzo collaborativo, per quanto riguarda l’invio della vostra transazione avrete bisogno di convalidare o verificare gli altri in coda, così farete un po’ di lavoro per gli altri accelerando tutte le transazioni. Il minatore viene rimosso tecnicamente e ogni transazione convalida le transazioni passate. I tempi di transazione possono effettivamente abbassarsi quando più persone utilizzano il sistema» ha scritto il guru del Bitcoin. 

Inoltre, la vecchia struttura lineare potrebbe trasformarsi in una struttura più aggrovigliata, che assomiglia più ad un grafico, distribuita in diverse direzioni, dove avvengono transazioni parallele.

«Sapete cos’è Dag? Si tratta di un grafico aciclico diretto, che può sostituire una tipica catena lineare», suppone Murphy. Se le transazioni lineari impongono ai “minatori” di mantenere i blocchi, un Dag non ha bisogno né di “prove di lavoro” né di blocchi.

Anche se non si può sapere al momento come funzionerà, Murphy suggerisce che il nuovo sistema, al momento in fase di sviluppo,«può essere un modello migliorato (…) rispetto ai modelli attuali basati sulla blockchain»; questo sistema imporrà quindi nuove regole di gestione, facendo cadere tutte quelle che oggi il sistema prevede.

Maddalena Ingrao