BIELORUSSIA. Arrestati a Minsk, mercenari russi. Mosca nega

61

Secondo i media statali bielorussi, la Bielorussia ha arrestato decine di mercenari russi dopo aver ricevuto l’informazione che più di 200 combattenti erano entrati nel paese per destabilizzarlo prima delle elezioni presidenziali. L’agenzia di stampa statale Belta, ha detto il 29 luglio che i mercenari lavoravano per la Wagner, la più nota Pmc russa.

Belta ha detto che le forze speciali bielorusse hanno arrestato 32 mercenari russi nell’area di Minsk e un’altra persona nel sud del paese: «Gli ospiti hanno attirato l’attenzione su di sé perché non si sono comportati come fanno di solito i turisti russi e hanno indossato abiti in stile militare»,.

Il gruppo è arrivato a Minsk il 24 luglio, ogni uomo portava solo piccoli bagagli a mano, e il gruppo aveva tre grandi valigie pesanti. La Tv di Stato ha mostrato gli uomini arrestati in mutande e ha trasmesso un filmato degli effetti personali di un uomo che includeva un passaporto russo, omerali militari e banconote da un dollaro. Radio Free Europe ha notato che tra gli altri effetti personali ripresi dalle telecamere c’erano anche valuta sudanese e una carta telefonica sudanese, il che suggerisce che gli uomini erano in viaggio verso l’Africa.

Il Cremlino e il ministero degli Esteri russo non hanno replicato, riporta Al Jazeera. L’ambasciata russa a Minsk ha dichiarato di non aver ricevuto alcuna informazione ufficiale sull’arresto di cittadini russi, riporta Ria Novosti.

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko è candidato alla rielezione il 9 agosto, mentre la rabbia pubblica aumenta per la sua gestione della pandemia COVID-19, l’economia e i diritti umani. Lukashenko, sempre il 29 luglio, ha annunciato di avere il Covid 19 e di averlo battuto con saune e vodka.

Nelle ultime settimane le forze di sicurezza hanno spezzato quelle che, a loro dire, sono proteste illegali. Il mese scorso Lukashenko ha accusato le forze russe e polacche di cercare di screditarlo.

Lukashenko, 65 anni, ha accusato i manifestanti dell’opposizione di complottare per rovesciarlo.

Anna Lotti