BERS prevede calo del PIL in Asia Centrale

13

REGNO UNITO – Londra 06/11/2015. La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers) prevede un rallentamento della crescita economica nei paesi dell’Asia centrale.

La previsione è contenuta nelle ultime stime stime economiche della banca. La crescita economica nella regione nel 2015 dovrebbe raggiungere il 3,8 per cento e nel 2016 il 3,9 cento. Si tratta di dati al di sotto della media di crescita del Pil, pari al sei per cento, registrata nel 2014. Secondo la Bers, l’ostacolo principale alla crescita sono due fattori: «il declino della Russia e i prezzi bassi delle materie prime». Secondo Bers, nell’Asia centrale nel 2015, il Pil del Kazakistan dovrebbe crescere del 1,2 per cento (+ 1,5 per cento nel 2016), in Kirghizistan, del 5 per cento (3,9 per cento nel 2016), in Tagikistan, 5 per cento (4,5 per cento nel 2016). Il PIl più veloce dovrebbe essere quello del Turkmenistan, 8,5 per cento (con la conferma nel 2016), e in Uzbekistan, 7,5 per cento (7,2 per cento nel 2016).