SRS a Belgrado brucia le bandiere

51

SERBIA – Belgrado. 24/03/15. Diverse centinaia di sostenitori del Partito Radicale Serbo, SRS, si sono sono riuniti oggi di fronte l’ex quartier generale del personale di Belgrado per protestare contro il 16 ° anniversario dei bombardamenti NATO. Fonte gazeta-shqip.com

All’intonazione di slogan  nazionalisti, la folla, guidata da Vojislav Seselj ha bruciato bandiere della NATO, Unione Europea, Stati Uniti e Kosovo. Il leader dei serbi Radicali serbi, incriminato dal dell’Aja per i crimini di guerra, ha dichiarato che la Serbia non deve mai diventare un membro della NATO o dell’Unione europea, anche se «il regime traditore del primo ministro Vucic sta lavorando su questo». Secondo i media di Belgrado, nel luogo del raduno non si sono viste le forze di polizia, il traffico automobilistico non è stato bloccato, mentre nella piazza c’erano i radicali serbi, che hanno bruciato completamente delle bandiere. Seselj stesso ha preso possesso di una bandiera e l’ha bruciata davanti alle telecamere.