BANGLADESH. Va a rilento il trasferimento forzato dei rohingya

29

Il Bangladesh ha detto che i piani per il trasferimento di migliaia di rohingya che vivono nei campi profughi sovraffollati in un’isola sono ancora “incerti” dopo che le autorità non sono riuscite ad ottenere il sostegno delle agenzie delle Nazioni Unite. Dacca avrebbe voluto iniziare questo mese il suo piano a lungo termine per spostare 100.000 persone sull’isola di Bhashan Char.

Il Bangladesh ha detto che migliaia di famiglie Rohingya si sono offerte volontariamente di trasferirsi, con circa 3.500 della minoranza musulmana che dovrebbe essere spostata tra metà novembre e febbraio. Ma il piano era ancora incerto, poiché l’Onu non ha finora sostenuto il trasferimento, ha detto Enamur Rahman, il ministro dei Disastri e dei soccorsi del Bangladesh, ripreso da Afp.

«È diventato tutto incerto. Le agenzie delle Nazioni Unite non hanno ancora accettato il piano di trasferimento», ha detto Rahman inserito al trasferimento sull’isola, che richiede circa tre ore per essere raggiunto su nave. Le agenzie umanitarie, tra cui l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati Unhcr, l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni e il Programma Alimentare Mondiale, che ha tenuto riunioni con il governo, gli hanno detto che l’isola è “isolata” e “soggetta a inondazioni”.

Le agenzie hanno stabilito una lista di condizioni da soddisfare, tra cui un servizio regolare di trasporto marittimo tra l’isolotto nel Golfo del Bengala e la terraferma, ha aggiunto Rahman. Le organizzazioni forniscono aiuti umanitari ai quasi un milione di rohingya nei vasti campi, tra cui 740000 che sono fuggiti da una repressione militare in Myanmar nell’agosto 2017.

Il portavoce dell’Unhcr Louise Donovan ha detto che la sua agenzia ha offerto «di impegnarsi costruttivamente» con il Bangladesh, ma ha detto che il trasferimento deve essere “volontario”. «Per valutare la sicurezza e la sostenibilità della vita a Bhashan Char, l’Onu ha anche sottolineato che sarà essenziale intraprendere valutazioni tecniche indipendenti e approfondite prima del trasferimento», ha detto Donovan.

Ha aggiunto che le valutazioni prenderanno in considerazione i rischi dei disastri naturali, un adeguato approvvigionamento idrico e l’accesso ai servizi di base – come la salute e l’istruzione – e «la loro capacità di muoversi all’interno di Bhashan Char e da e verso la terraferma». Dacca deve tenere un altro round di colloqui con le agenzie il 6 novembre, ha detto Rahman, aggiungendo che «non faremo nulla con forza».

Antonio Albanese