Mosca apre al sistema bancario islamico

83

RUSSIA -Mosca. 20/05/15. La “finanza” islamica piace a Mosca. O meglio dire il sistema bancario basato sulla legge islamica riscuote successo tra i cittadini russi. L’attuale situazione politica ha avuto un grave impatto sull’economia russa con particolare riferimento alle sanzioni.

Tra i settori più in crisi: il settore bancario. Ed è per aggirare i numerosi problemi “internazionali” che il sistema bancario russo sposa quello islamico. La notizia e l’analisi del fenomeno vengono riportati dalla testata IA REGNUM nella edizione russa di oggi. «Nel mese di giugno, dovrebbe arrivare a Mosca il presidente della Banca islamica di sviluppo (IDM) Ahmad Ali Al-Madani, che sta andando a discutere con la leadership russa i problemi di interazione per l’ingresso di banche arabe. Tra gli incontri previsti panche quello con il numero uno della Banca centrale russa Elvira Nabiullina».
Molte le differenze tra il sistema bancario islamico e quello “tradizionale” ma il capo saldo su cui ruota il tutto è il divieto per le banche islamiche di perseguire i finanziamenti con i tassi di interesse, e investire in servizi speculativi. Il fenomeno bancario islamico moderno è apparso negli anni ’60 del XX secolo in Egitto. La natura della banca islamica non sarà pubblico a causa del rischio di subire persecuzioni da parte dello Stato per reprimere qualsiasi manifestazione di Islam. In effetti, è stato per molto tempo un fondo comune di investimento. Nel tempo si è stabilito che diverse banche, operino secondo le leggi della Shariah. Alla fine degli anni ’70. del secolo scorso, le banche islamiche sono giunte in Europa. Ad esempio, nel 1978 in Lussemburgo, ha aperto “Islamic Finance House”. LA situazione russa attuale è che vi sono alcune aree che già conoscono questo sistema bancario, come in Tatarstan, Bashkiria e Daghestan. Il più grande fornitore di servizi bancari ha sede a Kazan, ha una filiale a Ufa e Mosca. Tuttavia, il lavoro completo del sistema bancario islamico in Russia sarà possibile solo il prossimo anno nell’estate del 2016 ha riferito il Presidente della Fondazione per il commercio islamico e finanziare Linar Yakupov. A questo punto, il parlamento russo deve apportare tutte le necessarie modifiche alla legislazione.
Come precedentemente segnalato IA REGNUM , il progetto di legge sul sistema bancario islamico sarà pronto prima dell’estate del 2016. E il Vice presidente Alexander Torshin ritiene che la componente confessionale porterà il sistema bancario principi morali.
«Sarebbe giusto se, in Russia, dove più del 15% della popolazione è musulmana, realizzare anche per loro una economia islamica anche bancaria» ha detto il presidente del consiglio di Bank of Asia F.Saidi. .
“Asia Bank” per la prima volta fornirà questi servizi bancari in Russia conformi ai principi economici islamici e l’attuale legislazione della Federazione Russa. La banca ha lanciato un servizio di Sharia in aprile 2015, ed è ora attivamente alla ricerca di partner dei paesi del mondo islamico. Nell’ambito delle tradizionali relazioni di affari bancari sono stati stabiliti con molti paesi in Asia, Europa e Medio Oriente. “Asia Bank” offre una vasta gamma di servizi a clienti aziendali, tra cui l’apertura e la tenuta dei conti in diverse valute.
Secondo il Presidente del Consiglio di “Asia-Bank”, non vi è alcuna necessità di modificare la normativa per l’introduzione del sistema bancario islamico. «Ad esempio, un prodotto di Mudharabah, in cui è possibile finanziare un ampio settore del commercio, Musharaka è un prodotto in cui la banca diventa socio della azienda o società che comprende anche una serie di attività di consegna sono Ijara, cioè locazioni nelle quali non vi è alcuna contraddizione con la legge. Si tratta di un elenco incompleto dei prodotti rilevanti del sistema bancario islamico» ha detto Said. Il sistema bancario islamico, tra gli esempi più riusciti Al Baraka (la protezione) Al Shamal (il Nord) è visto come una possibile uscita dal vuoto creato dalle banche europee e internazionali che stanno lasciando la Russia per via delle sanzioni. Per la banca islamica è la grande opportunità per inserirsi nel tessuto connettivo russo. Sia a livello Locale che nazionale.