La Banca Mondiale sostiene il Turkmenistan

43

TURKMENISTAN – Ashgabat. 02/08/13. La Banca mondiale oggi ha discusso una strategia ad interim per il Turkmenistan. Strategia che servirà come piattaforma per la cooperazione per la Banca Mondiale e la International Finance Corporation (IFC) con il Turkmenistan per sostenere le riforme nel paese dal 2013 fino al 2015, fonte IFC.

 

«Il Turkmenistan ha chiesto al Gruppo della Banca mondiale assistenza tecnica per sostenere le riforme economiche e finanziarie del paese» ha dichiarato Saroj Kumar Jha, direttore regionale della Banca Mondiale per l’Asia centrale. E poi ha chiosato: «In base alla nuova strategia, il Gruppo della Banca mondiale porterà al Turkmenistan la sua conoscenza globale e la sua esperienza internazionale per sostenere il governo ad attuare il suo programma di sviluppo socio-economico a lungo termine». 

Ciò avverrà attraverso la fornitura di servizi analitici e di consulenza nei settori individuati congiuntamente dal governo e del Gruppo della Banca Mondiale. Questo approccio riflette i risultati di ampie consultazioni con le parti interessate, compreso il governo, rappresentanti del settore privato, organizzazioni della società civile, i partner di sviluppo, e altri, il messaggio ha detto.

L’«IFC si occuperà dello sviluppo del settore privato del Turkmenistan»ha riferito Moazzam A. Mekan, IFC Manager Regionale per l’Asia centrale.

La strategia si muove su due filoni principali: da un lato si è concentrata sulle attività selezionate in aree proposte dal governo, come le statistiche macroeconomiche, lo sviluppo del settore finanziario, e lo sviluppo del settore privato; dall’altro, vi sono una serie di studi di analisi strategiche intraprese dalla Banca e IFC su clima degli investimenti, la privatizzazione e l’adesione all’OMC; diversificazione degli investimenti. Questi studi saranno finanziati dalla Banca Mondiale.

Il Turkmenistan ha chiesto di aderire al Gruppo della Banca Mondiale, nel settembre 1992 e nel 1996, la Banca ha istituito un ufficio di collegamento a Ashgabat per migliorare le comunicazioni con il governo e di fornire supporto operativo. Il Turkmenistan attualmente è in una fase di transizione del suo sviluppo. Il paese del Caspio è ricco di gas naturale. Il cotone e mais. L’industria tessile e la lavorazione del petrolio e del gas sostanzialmente avanzati.