I bambini soldato sciiti al-Sistani

11

IRAQ- Baghdad. 28/07/15. Non solo ISIS addestra i bambini alla guerra. L’Associate Press ha pubblicato un articolo secondo cui i giovani adolescenti sciiti durante le vacanze estive si addestrano per combattere contro il gruppo Stato Islamico. 

Si tratta di campi estivi a Baghdad istituito come una forza paramilitare del paese dopo che il superiore religioso sciita iracheno ha emesso un editto (fatwa) che invita gli studenti in età di scuola media ad utilizzare le loro vacanze estive per prepararsi a combattere gli estremisti sunniti. Nell’intervista AP un adolescente racconta: «Siamo stati chiamati a difendere la nazione» E aggiunge: «Non sono spaventato perché i miei fratelli stanno combattendo accanto a me». Con decine di questi campi in tutto il paese, centinaia di studenti sono passati attraverso la formazione anche se è impossibile dire quanti ha continuato a combattere gli estremisti sunniti in quanti combattono contro i sunniti in maniera indipendente. Questa estate, l’Associated Press ha visto più di una dozzina ragazzi armati in prima linea nella provincia occidentale di Anbar, tra cui alcuni giovani che hanno appena 10 anni. Di circa 200 cadetti in una classe di formazione visitato da AP di questo mese, circa la metà erano sotto l’età di 18, con qualche giovane di 15. Diversi hanno detto che il loro scopo è di unirsi ai loro padri e fratelli maggiori in prima linea. Tra coloro che si allenano per le strade di Baghdad, 15 anni, Jaafar Osama dice di voler diventare un ingegnere quando sarà grande, ma ora vuole essere un combattente. Suo padre è un combattente volontario accanto alle milizie sciite di al Anbar e suo fratello maggiore sta combattendo a Beiji, a nord di Baghdad. «Se Dio vuole, quando ho completare la mia formazione mi unirò a loro, anche se questo significa sacrificare la mia vita per mantenere l’Iraq al sicuro», ha detto.

Il programma di formazione dei minorenni potrebbe avere gravi implicazioni per la coalizione guidata dagli Usa, che fornisce miliardi di dollari in aiuti militari ed economici al governo iracheno, ma prende le distanze dalle milizie iraniane-backed. Gli Stati Uniti non lavoriamo direttamente con la mobilitazione delle forze popolari, ma il gruppo riceve armi e finanziamenti da parte del governo iracheno e è addestrato dai militari iracheni, che riceve la sua formazione da parte degli Stati Uniti. Quando gli USA sono stati informati dal servizio investigativo di AP, l’ambasciata Usa a Baghdad ha rilasciato una dichiarazione dicendo che gli Stati Uniti sono «molto preoccupati per le accuse sull’uso dei bambini soldato in Iraq, tra alcune forze mobilitazione popolare nella lotta contro ISIL», usando un acronimo per il gruppo militante. «Abbiamo condannato con forza questa pratica in tutto il mondo e continueremo a farlo».
Il 9 giugno, non appena terminate le scuole, al-Sistani ha emesso una nuova fatwa sollecitando i giovani in università, scuole superiori e anche la scuola media di usare le loro vacanze estive per «contribuire alla conservazione (del paese) da una formazione a prendere le armi e prepararsi a respingere rischio se ciò è richiesto». In risposta, la mobilitazione forze popolari ha istituito campi estivi nei quartieri prevalentemente sciiti di Baghdad e Bassora. Un portavoce del gruppo, Kareem al-Nouri, ha detto che i campi di “lezioni di autodifesa” e volontari minorenni sono tenuti a rientrare a scuola entro settembre, e non andranno al fronte di battaglia. Un portavoce per l’ufficio del primo ministro iracheno ha fatto eco a questa dichiarazione. Ci possono essere alcuni “incidenti isolati” di combattenti minorenni che si uniscono al combattimento per conto loro, Saad al-Harithi detto all’ AP. «Ma non c’è stata alcuna istruzione dalla Marjaiyah (l’autorità religiosa sciita in alto) di mobilitazione di forze popolari che invita i bambini a unirsi alla battaglia». «Siamo un governo che aggrotta le sopracciglia su bambini che vanno in guerra», ha detto. Ma il confine tra addestramento e combattimento reale è sfocato, ed è debolmente imposto dalla mobilitazione forze popolari. Molteplici milizie operano sotto il suo ombrello, con i combattenti fedeli al leader diversi, che spesso agiscono in modo indipendente. Al campo di addestramento in una classe media quartiere sciita di Baghdad ovest, all’inizio di questo mese, i giovani cadetti hanno parlato apertamente di entrare in battaglia davanti ai loro formatori, che non ha fatto nulla per fermarli.
I ragazzi correvano per le strade praticando tecniche di guerriglia urbana, dal momento che le battaglie più dure con il gruppo Stato Islamico avvengono per strada. All’inizio di questa estate, in uno dei fronti più caldi Falluja nella provincia occidentale di Anbar, l’AP ha parlato di un certo numero di giovani ragazzi, alcuni armati, tra i miliziani sciiti. Nel mese di giugno, le Nazioni Unite hanno chiesto “misure urgenti” che dovrà assumere il governo iracheno per proteggere i bambini, tra cui criminalizzare il reclutamento di bambini e “l’associazione dei bambini con la mobilitazione forze popolari.”
Donatella Rovera, consigliere anziano risposta alla crisi di Amnesty International, ha detto che se le milizie sciite stanno «usando i bambini come combattenti, quindi i paesi che li sostengono sono in violazione della Convenzione delle Nazioni Unite» sui diritti del fanciullo. «Se si sta sostenendo l’esercito iracheno, poi, per estensione, si stanno sostenendo il PMF» ha detto.
L’Iraq ha una lunga storia di formazione di combattenti minorenni. Sotto Saddam Hussein, i ragazzi tra 12 e 17 conosciuti come “i cuccioli di leone di Saddam” avrebbero partecipato formazione di un mese durante le pause estive con l’obiettivo di dare vita ai Fadayeen – una forza paramilitare fedele al regime baathista di Saddam.
L’esercito iracheno limita l’età delle sue reclute tra i 18 e i 35 anni. Ma non c’è nessuna legge che disciplina la mobilitazione forze popolari. Un progetto di legge per la guardia nazionale, una forza orientata verso abilita tribù sunnite per sorvegliare le proprie comunità, omette volutamente limiti di età.

Articolo AP: http://bigstory.ap.org/urn:publicid:ap.org:563248db894b4d508f3ee7719f208255 a firma di