BALCANI. Slovenia: tensioni a Nova Gorica per i migranti  

70

Interni

SLOVENIA
Ancora problemi sui confini Slovenia-Croazia: migranti iracheni attaccano la polizia in Slovenia. I fatti si sono registrati in località Nova Gorica nel pomeriggio di domenica, dove i migranti hanno attaccato un tassista, e poi con un coltello hanno minacciato agenti di polizia che per fermare il migrante hanno sparato, ferendolo ad una gamba. Nell’articolo si evince una forte critica al governo che non riesce a far fronte al problema e temono l’erezione di barriere con filo spinato ad opera dell’Italia. 

CROAZIA
In dieci mesi dimezza il gradimento sul presidente croato. Il sostegno del presidente Kolinda Grabar-Kitarović, nella categoria dei politici più importanti, varia da un mese all’altro. Nell’ultima indagine di CRO Demoskop per RTL, il presidente è il politico più amato per il 12,2% degli intervistati.

BOSNIA
Agenti della sicurezza aeroportuale di Sarajevo si scontrano con le guardie del corpo di Erdogan. La lite iniziata verbalmente è continuata con le mani sulle pistole, solo quando Erdogan è uscito dall’aereo la tensione è rientrata. 

MONTENEGRO
Il governo reagisce alle accuse del sindaco di Kotor asserendo che contrariamente a quanto affermato dal numero uno di Kotor, il governo ha dato piena autonomia alla municipalità.

SERBIA
Vucic torna a parlare di Kosovo asserendo che è impossibile raggiungere accordo con il Kosovo entro questi confini.

KOSOVO
La commissione per i diritti umani, l’uguaglianza di genere, le persone scomparse e le petizioni dell’Assemblea del Kosovo ha ospitato lunedì la delegazione della Commissione, della controparte dell’Assemblea della Repubblica di Macedonia con l’obiettivo di scambiarsi notizie e fare progetti comuni.

KOSOVO
Il Presidente del Movimento autodeterminazione, Albin Kurti, ha commentato che il presidente Hashim Thaci ha inviato una lettera al presidente degli Stati Uniti Donald Trump, dove tra le altre cose, dice che “si è impegnato a raggiungere un trattato di pace con la Serbia”. Tuttavia, Kurti ricorda che Trump non ha risposto. Ha ricordato che sono passati sei mesi da quando Thaçi ha scritto Trump e che aveva anche promesso un accordo con la Serbia che ancora non c’è.

ALBANIA
Attesa per la costituzione della commissione investigativa per il licenziamento del presidente Ilir Meta, mentre il primo Ministro si difende e dice: “abbiamo vinto le elezioni, l’opposizione non vincerà nemmeno le lezioni del 2021”. A rispondergli circa 1200 manifestanti dell’opposizione di Berat che hanno iniziato il viaggio verso Tirana per unirsi alla decima protesta dell’opposizione che si terrà di fronte all’ufficio del Primo Ministro alle 20:00 dell’8 luglio.

Esteri

SLOVENIA
Rimane irrisolto il problema dell’aumento delle frequenze radio italiane sul territorio sloveno e viceversa, ma il governo sta lavorando in vari modi per proteggere gli interessi della Slovenia, ha sottolineato il ministro della Pubblica amministrazione Rudi Medved.

BOSNIA
Il segretario generale del Consiglio di cooperazione regionale (RCC) Majlinda Bregu ha detto oggi a Sarajevo che la decisione dell’UE di rinviare l’apertura dei negoziati di adesione con l’Albania e la Macedonia settentrionale è “un rischio”, ha annunciato l’RCC.

MACEDONIA DEL NORD
La Macedonia del Nord teme ripercussioni nelle relazioni Atene-Skopjie  dopo l’esito delle elezioni in Grecia. A breve incontro con i nuovi vincitori della tornata elettorale.

Economia

CROAZIA
La Croazia e la Slovenia hanno presentato le proprie opinioni sull’arbitrato all’UE si attendono ora le reazioni europee.

MONTENEGRO
Regole poco chiare in materia di donazioni in Montenegro.

SERBIA
Cresce il pedaggio stradale in Serbia: La strada da Subotica a Presevo in auto, secondo i prezzi correnti è di 1.650 dinari, e se il prezzo aumentasse del 12 percento sarebbe di 1.848 dinari o di 15 euro e di 70 centesimi.

MACEDONIA DEL NORD
Continua esodo di medici e infermieri dalla Macedonia del Nord verso i paesi europei per via degli stipendi troppo bassi

Redazione