BALCANI. Serbia: investimenti cinesi nelle infrastrutture di Belgrado

60

Interni

SLOVENIA
Il Partito del Centro Moderno (SMC), nella riunione del consiglio del partito a Lubiana, ha deciso sulla lista dei candidati per le elezioni europee. I nomi dei candidati non sono ancora stati resi noti, ma sembra chiaro che non ci sarà il commissario europeo Violeta Bulc, la quale ha annunciato che sarà in una squadra elettorale di sette membri per i liberali europei, mentre in Slovenia sosterrà i partiti liberali. Bulč, insieme all’ex ministro delle Infrastrutture Petar Gašperšič, era tra i potenziali candidati. Dopo lo scandalo per corruzione che ha scosso il partito negli ultimi mesi, Gašperšič non sarà tra i candidati. SMC tuttavia sostiene l’apparizione congiunta dei partiti liberali sloveni alle elezioni europee; ma la collaborazione con la Lista di Marjan Šarec (LMŠ) è stata annullata, come quella con la Alleanza di Alenka Bratušek (SAB). 

CROAZIA
Il governo ha esteso l’assistenza e l’assicurazione sanitaria fino al 31 luglio, in seguito all’avvio di negoziati sul contratto collettivo (KU) con il sindacato medico croato (HLS), dopo la nomina del comitato di negoziazione. L’annuncio è stato dato dal ministro della Salute Milan Kujundzic. L’attuale KU durerà un anno, in modo da creare i presupposti legali perché l’HLS sia presente nei negoziati e partecipi al comitato di negoziazione, fatto non avvenuto in quest’occasione. Il governo ha adottato un progetto di legge sulle misure provvisorie in materia di assicurazione sanitaria obbligatoria, in base al quale, dopo la Brexit, la Croazia per non più di un anno, a condizione di reciprocità, consentirà l’utilizzo di assicurazioni sanitarie obbligatorie per i cittadini britannici. Secondo i registri dell’Istituto croato di assicurazione sanitaria, 135 titolari di assicurazioni sanitarie britannici beneficiano attualmente di questo diritto: in assenza di reciprocità dal Regno Unito, i costi saranno a carico del bilancio dello Stato. Il governo ha nominato il suo rappresentante nella procedura di conciliazione con il sindacato dei funzionari statali e dipendenti pubblici: l’oggetto della controversia è l’aumento degli stipendi dei dipendenti pubblici negli organi giudiziari e il diritto all’indennità salariale per speciali condizioni di lavoro.

BOSNIA ERZEGOVINA
L’Amministrazione fiscale della Repubblica serba di Bosnia Erzegovina (RS) ha imposto al 31 marzo la scadenza per presentare le dichiarazioni di armi registrate nelle dichiarazioni dei redditi; e nella maggior parte dei casi i contribuenti hanno riempito in anticipo i moduli compresi della tassa sulle armi registrate

L’informativa sulla vicenda di spionaggio o sul reclutamento di elementi salafiti per conto della intelligence croata (SOA), potrebbe essere rimossa dall’ordine del giorno della seduta odierna del Consiglio dei Ministri; poiché il ministro della Sicurezza Dragan Mektić, relatore su questo tema, non sarà presente per motivi medici. Il presidente del consiglio dei Ministri Denis Zvizdić ha riferito che si è svolta una sessione del Comitato esecutivo di intelligence, con il presidente del consiglio dei Ministri e due suoi deputati: sono stati forniti dati, ma non nomi specifici relativi al caso. Poiché le informazioni operative riservate erano preoccupanti, Zvizdic non ha parlato dei dettagli di quest’incontro.

MONTENEGRO
Il governo montenegrino ha adottato la decisione di aprire il consolato generale del Montenegro a Istanbul. Il governo ha dichiarato di voler ampliare la rete delle missioni diplomatiche e consolari per soddisfare le esigenze e gli interessi di comunità montenegrina nel paese. Il numero di espatriati montenegrini a Istanbul è stimato in circa 100.000 unità; con quattro associazioni di emigranti montenegrini.

SERBIA
In un’intervista a Sns.org.rs, il vice primo Ministro e ministro dell’Edilizia Zorana Mihajlovic ha confermato l’inizio del ciclo di investimenti, del valore di 5,2 miliardi di euro, che comprende lavori su autostrade, ferrovie, aeroporti e trasporto idrico. Tra i partner esteri figurano i cinesi con China Road and Bridge Corporation, e Shandong Hi-Speed Group Corporation, gli americani con Bechtel; insieme alla serba Koridori Srbije.

KOSOVO
Il ministro della Sanità Uran Smaili, insieme all’ambasciatore italiano Piero Sardi, ha visitato i medici italiani che gestiscono il reparto di chirurgia cardiaca pediatrica nel Centro clinico universitario del Kosovo (QKUK). Il Ministro ha ringraziato i professionisti italiani per contribuire alla formazione dei medici kosovari e allo sviluppo della chirurgia cardiaca pediatrica in Kosovo.
Il sindaco della municipalità di Suhareka, Bali Muharremaj, ha annunciato l’inizio della petizione per l’abolizione della legge sui giochi d’azzardo. In questa occasione, Muharremaj ha invitato tutti i cittadini del comune a partecipare alla raccolta firme; e ha inoltre rivolto un appello ai sindaci del Kosovo affinchè seguano il suo esempio, in modo che numerose petizioni vengano inviate al parlamento del Kosovo.

 

Esteri

SERBIA
Il segretario internazionale di SNS e il ministro per l’Integrazione europea Jadranka Joksimovic e vicepresidente e sindaco di Novi Sad Miloš Vučević hanno partecipato all’assemblea politica del Partito Popolare Europeo (PPE) a Bruxelles. Nel corso della riunione, l’assemblea politica del più grande e influente gruppo politico al parlamento europeo ha discusso la questione dell’adesione al gruppo del partito Fides, di Viktor Orban. Dopo una lunga ed aperta discussione e consultazione, la maggioranza (190 a favore e 3 contro) ha appoggiato la proposta accettata da Orban: Fides, membro a pieno titolo del Ppe a partire dal 2000 ha volontariamente sospeso la partecipazione al lavoro del partito finché la commissione indipendente non metterà a punto la relazione sull’indagine sulle questioni controverse in Ungheria. Nonostante i disaccordi e le opinioni diverse su alcune questioni, il gruppo del PPE ha capacità di dialogo democratico e ha trovato un compromesso atto a preservare la stabilità delle prossime elezioni europee.

ALBANIA
Lulzim Basha ha risposto con una lettera all’Ufficio di Procura di Tirana, che lo ha invitato a presentarsi insieme all’ex segretario generale Arben Ristani in relazione ai contatti tra Partito Democratico e presunte lobby statunitensi. Nella lettera Basha considerava la richiesta di azione giudiziaria illegale e senza standard professionali ed etici di indagine. Il Sottosegretario ha inoltre affermato di non esser stato perseguito, né accusato in nessuna indagine.
Il presidente del Movimento Socialista per l’Integrazione (LSI) Monika Kryemadhi, presente alla protesta dell’opposizione, non ha risparmiato critiche al governo del primo Ministro Edi Rama. Nel suo discorso alla folla, Kryemadhi ha ricordato le difficoltà della popolazione per il rifornimento d’energia elettrica, di risorse idriche e di medicinali, a causa degli alti costi dei servizi. Ha inoltre fatto riferimento ai soprusi delle forze di polizia, alla corruzione diffusa dei funzionari pubblici e alle disparità del sistema giudiziario.

MACEDONIA DEL NORD
Il primo Ministro greco Alexis Tsipras visiterà la Repubblica della Macedonia del Nord il 2 aprile. Secondo le informazioni della giornalista greca Stefania Murelatu, probabilmente questi verrà in presenza di due o tre ministri, il ministro degli Esteri Katragalos, il ministro dell’Energia Stathakis e una delegazione di uomini d’affari del paese, che prevede di investire in Macedonia del Nord o è stata coinvolta con i propri investimenti nel paese. La conversazione avverrà col primo Ministro Zoran Zaev su commercio, turismo, ristorazione; edilizia, energia, cooperazione militare e di polizia. 

 

Economia

SLOVENIA
Il governo ha approvato un regolamento sull’autoproduzione da fonti energetiche rinnovabili, per rendere i consumatori produttori di elettricità. Si consentiranno due nuovi tipi di autosufficienza: oltre alle strutture individuali vi sono nuove possibilità di auto-approvvigionamento per condomini e strutture analoghe. L’auto fornitura non sarà più legata al proprietario dell’impianto energetico, ma sarà allargata agli inquilini, e ci sarà anche la vendita di eccedenze di elettricità generate. Come sottolineato dal ministro delle Infrastrutture Alenka Bratušek, lo scopo del governo rimane quello dell’autosufficienza, quindi la dimensione degli impianti sarà limitata.

CROAZIA
Il ministro delle Finanze Zdravko Maric giudica difficile una stima economica sulla ristrutturazione del cantiere di Uljanik, dovendo tener conto principalmente delle finanze pubbliche. Il primo Ministro Andrej Plenković ha confermato numerosi colloqui nel governo sul destino del cantiere navale; affermando la presenza di un partner strategico nelle trattative e ulteriori consultazioni con la Commissione europea. I parlamentari della SDP hanno richiesto al Ministero dell’Economia di presentare relazioni sull’attuazione del piano di ristrutturazione quinquennale per i cantieri di Spalato, e Trogir e Rijeka, e il presidente della SDP Davor Bernardic ha accusato il governo di non aver fatto nulla negli ultimi due anni e mezzo, e ritiene che i problemi di Uljanik e del cantiere navale di Fiume possano essere risolti.

MONTENEGRO
Ines Mrdovic del Network per l’affermazione del settore ONG (MANS) ha smentito le affermazioni del primo Ministro Markovic, il quale sostiene che la prima sezione dell’autostrada da Smokovac a Mates non avrà costi aggiuntivi rispetto alla somma contratta, deliberatamente evitando di parlare di una serie di costi aggiuntivi, che certamente aumenteranno il totale dell’esborso statale. Ha ricordato il contratto con la cinese China Road e Bridge Corporation di 809 milioni di euro è seguito da opere secondarie da realizzare per rendere usufruibili l’infrastruttura. Mrdovic sostiene che per questo tipo di lavori l’importo può superare anche il 10% del prezzo concordato, arrivando nel caso a più 80 milioni di euro aggiuntivi. Il governo ha già trasferito dal bilancio parte del costo dell’autostrada, con l’azienda Monteput che ha preso a prestito 32 milioni di euro per il sistema d’alimentazione elettrica lungo la tratta autostradale.

MACEDONIA DEL NORD
La presentazione del progetto “Partnership per una migliore regolamentazione aziendale”, che comprende tutte e quattro le camere di commercio del paese ha sottolineato i cambiamenti da attuare nelle normative sul lavoro, nella riqualificazione dei disoccupati, nella creazione di posti ben remunerati. Secondo il vice primo Ministro per gli Affari economici Koco Angjushev, queste linee guida sono fondamentali per l’assunzione di una nuova forza lavoro di qualità e una maggiore competitività delle aziende. Sebbene il paese abbia la più bassa disoccupazione dalla sua indipendenza, il 19,4%, il problema è la strutturazione dei circa 105.000 disoccupati: ben 42% di loro ha più di 50 anni, il 50% è senza o solo con l’istruzione primaria, e il 26,5% è solo munito d’istruzione secondaria; ma nessuno di questi possiede la formazione tecniche richieste.

Redazione