BALCANI. “Scandalo petroli” in Albania

215

Interni

SLOVENIA
Il ministro della Difesa Karl Erjavec (DeSUS) ha firmato il licenziamento del  Comandante sloveno delle Forze Armate, Miha Škerbinca. Il licenziamento è stato proposto dal capo di Stato maggiore Alenka Ermenc. Tra le motivazioni vi è tra l’altro, l’incidente in cui durante la notte ci fu una sparatoria sul campo pratica a Poček. Non è noto, né al Ministero della Difesa, né al capo Alenka Ermenc cosa sia realmente accaduto.

BOSNIA ERZEGOVINA
Mentre Republika Srpska sta facendo un ricambio della polizia, e Čović fa rinascere Herceg-Bosna, l’SDP è impegnato nel DF. “La Bosnia Erzegovina è la nostra priorità. Entriamo nel governo, consapevoli che stiamo prendendo una decisione impopolare. Ma tra il partito e lo stato, abbiamo scelto lo stato a differenza dei compagni SDP che hanno scelto il partito”. Il Fronte Democratico è uscito questa mattina con una dichiarazione in pubblico e dopo frequenti domande per la loro decisione di andare al potere.

KOSOVO
Limaj ha dichiarato che è giunto il momento di togliere la tassa sulla Serbia. La tassa sui beni serbi è oggetto di articolazione politica in Kosovo. Gli internazionali continuano ad aumentare la pressione su Pristina per costringerlo a togliere la tariffa, che considerano il principale ostacolo al dialogo Kosovo-Serbia.

ALBANIA
Çollaku ha dichiarato ai media: Rama è verso la fine, la saldatura del Primo Ministro non salva. Il presidente del DP, Kreshnik Çollaku, dice che il primo ministro Rama è alla fine della carica che gli è stata assegnata dal popolo e dall’opposizione e che la protesta del 13 aprile sarà la più grande e più importante di questo periodo che determinerà gli sviluppi nuovo nel paese.

Esteri

SLOVENIA
Il partito LMŠ presenterà  la lista dei candidati e il programma per il maggio europeo al congresso di Trbovlje. Il presidente di LMŠ Marjan Šarec ha sottolineato la crescita e la sovranità che, secondo lui, sta lavorando con nuovi modelli di pensiero. “Ci affidiamo solo al duro lavoro, alla volontà, all’energia e all’entusiasmo e alla consapevolezza che non sappiamo tutto”.

CROAZIA
Elezioni per il Parlamento europeo: scopri quale partito su Facebook sta cercando di ottenere il tuo voto. Anche se la Croazia è sostenuta da una trasparente linea politica di pubblicità e di comunicazione, in conformità con le conclusioni del Consiglio del ministro delle Finanze UE Zdravko Maric e la Commissione elettorale di Stato (SEC), sostengono che si continuano a ignorare gli appelli di prescrivere l’obbligo di rendicontazione sulle campagne elettorali sui social network. E mentre le istituzioni croate rimangono in silenzio, i cittadini possono installare un plugin Who Target Me (WTM), per scoprire quale partito su Facebook sta cercando di ottenere il loro voto alle elezioni del Parlamento europeo 2019.

MONTENEGRO
Duško Marković ha ricevuto il capo delegazione del Montenegro e Ambasciatore europeo dell’ambasciatore Aivo Orav. Argomenti: nuova visita di lavoro PV Bruxelles a metà aprile e lo scambio di opinioni sulla situazione attuale in Montenegro, compresi i progressi nel contesto del processo di integrazione europea, così come la regione ZapadniBalkan.

SERBIA
Vucic ha dichiarato alla stampa: “Il paese ha denaro e se sarà necessario verrà utilizzato”. Il presidente della Serbia Aleksandar Vucic ha annunciato, di fronte ai cittadini di Krepoljin, che lo Stato ha molto denaro da investire in questa parte della Serbia, e che la miniera di carbone Jasenovac non chiuderà. Vucic ha detto che i cinesi arriveranno a Zgubic la prossima settimana per vedere se investiranno nella fabbrica, e se non lo faranno – allora lo farà lo stato.

MACEDONIA del NORD
Quando Alexis Tzipras ha iniziato il difficile viaggio per chiudere la lunga disputa tra Grecia e Macedonia del Nord, non sapevamo che avremmo raggiunto questo momento storico. Con decisioni coraggiose e il desiderio di unità, ciò che sembrava impossibile ieri,  è una realtà. Il primo ministro Zaev ha incontrato il capo della missione di osservazione OSCE / ODIHR, signora Jonker: le elezioni presidenziali sono estremamente importanti, il dialogo politico aperto con tutte le parti è nell’interesse dello stato e dei cittadini.

Economia

BOSNIA
FBiH deve pagare ai propri dipendenti, che hanno avviato contenziosi legali contro enti istituzionali, quasi 81 milioni di KM, e tale importo non è definitivo. Il gruppo di lavoro, composto da rappresentanti dei ministeri della giustizia, del lavoro e delle politiche sociali, FBiH Finanza, l’Ufficio del Primo Ministro della FBiH, la Federalnog ha una scadenza di sette giorni per fare una proposta per il pagamento delle sentenze sui ricorsi dei dipendenti pubblici. La vera soluzione è, secondo Zlatko Hurtić, il consulente esterno del governo FBiH, la transazione extragiudiziale attuata dai cantoni.

MONTENEGRO
Secondo il governatore della Banca centrale (CBCG) Radoje Zugic: la bancarotta della Atlas Bank non metterà a repentaglio la stabilità del sistema bancario. L’introduzione di fallimento in Atlas Bank, che ha garantito i depositi pari a 89 milioni di euro, non compromettere la stabilità del sistema bancario, ma anche migliorare la fiducia in lui, ha chiosato il governatore.

SERBIA
«Chiunque tenti di abusare dell’accordo di libero scambio con la Federazione Russa e l’esportazione duty-free di prodotti serbi al mercato russo deve essere perseguito e punito», ha detto Aleksandar Djurdjev, presidente della Lega serba, perché è giunto il momento di perseguire le aziende irresponsabili che a causa del loro interesse personale e il desiderio di profitto minaccino la cooperazione economica con la Russia e le esportazioni serbe, che è fondamentale per la nostra crescita economica e lo sviluppo.

KOSOVO
Il ministero delle Finanze può assumere giovani, sostenendo le imprese. Bedri Hamza, afferma che, dall’assunzione del mandato, si è prefissato come obiettivo strategico di accrescere il bilancio dello Stato attraverso lo sviluppo economico del paese e non impostando nuove tasse e aumentando le tasse esistenti.

ALBANIA
Un gioco fiscale tra appaltatori e subappaltatori nel settore petrolifero albanese rischiava di eludere il fisco per diversi milioni di dollari. La differenza nell’aliquota fiscale tra le società concessionarie che usano il petrolio albanese e i loro subappaltatori, ha creato una valvola attraverso la quale il budget avrebbe potuto evitare decine di milioni di dollari in tasse. Lo schema è semplice. Le compagnie di concessione petrolifere hanno una tassa del 50%, ma i subappaltatori che effettuano investimenti o operazioni giornaliere pagano solo il 15%.

Redazione