BALCANI. Sarajevo invita i giovani ad arruolarsi

44

Interni

SLOVENIA
Il segretario di Stato presso l’ufficio del primo Ministro, Damir Črnčec, in un’intervista per il portale Siol, ha paragonato Sarac con Janez Janša, dicendo che il presente è condiviso da Šarec come futuro, mentre Janša è il passato. Črnčec, che si occupa principalmente di questioni di sicurezza, ha assicurato che la Slovenia è un paese sicuro. Tra le potenziali minacce: quelle di tipo informatico-cibernetico, le questioni dell’immigrazione clandestina, del terrorismo e l’aumento dell’estremismo e dell’estremismo violento.

CROAZIA
La Croazia ha dimostrato di essere un alleato affidabile nella NATO e continuerà ad essere annunciata dal primo Ministro, e il Presidente ha sottolineato lo scopo: la difesa della pace.

BOSNIA ERZEGOVINA
Il ministero della Difesa e delle Forze Armate della BiH quest’anno fornisce un’opportunità per i giovani di diventare membri delle Forze Armate della Bosnia-Erzegovina, per un onesto, stimolante e dinamico servizio militare che offre un lavoro sicuro, la possibilità di formazione, l’istruzione e l’avanzamento di carriera.

MONTENEGRO
Il segretario di Stato Jovetic ha presentato l’analisi degli effetti delle misure a breve termine del piano di ottimizzazione della pubblica amministrazione 2018-2020, nel 2018: dopo un anno e mezzo di attuazione, è stata registrata una tendenza positiva nell’attuazione delle misure, in particolare la creazione di servizi di qualità per i cittadini e l’economia.
PV D. Markovic: la famiglia di Tomkic è bersaglio di attacchi organizzati a causa dell’etnia, ma è anche l’attacco al Montenegro e ai valori che ereditiamo: multietnicità e multiconfessionalismo.

KOSOVO
Il primo Ministro del Kosovo, Ramush Haradinaj, ha attaccato il presidente della Serbia Aleksander Vucic: vuole destabilizzare i Balcani costringendo i serbi a lasciare le loro posizioni nelle istituzioni della Repubblica del Kosovo, compresi i membri della Lista serba.
Bahtiri: Anche la petizione per l’unificazione di Mitrovica è stata firmata da intellettuali serbi. Il sindaco di Mitrovica, Agim Bahtiri ha parlato dell’iniziativa della petizione da parte dei cittadini di Mitrovica per l’unificazione della città, così come la conversazione con il presidente Thaci e le dichiarazioni del premier Haradinaj, e come procedere con l’unificazione della città divisa.

ALBANIA
Il primo ministro Edi Rama, in un incontro con i residenti di Durazzo all’interno del ciclo “La città che vogliamo”, ha criticato le azioni dell’opposizione, che secondo lui, non sa fare altro che dare l’idea di distruggere il paese e non sta affatto pensando al progresso. Il capo del governo ha anche commentato che alcuni giornalisti italiani scriveranno sul turismo in Albania, dicendo che oltre al turismo, l’Albania offre anche proteste ogni giovedì prima dell’Assemblea.

MACEDONIA DEL NORD
Oggi il primo Ministro della Repubblica di Macedonia del Nord Zoran Zaev insieme al ministro dell’Economia Kreshnik Bektesi, direttore delle dogane, Djoko Tanasoski MP John Mitreski  durante la visita di Ohrid al valico di frontiera Kafasan, proponendo una panoramica della situazione attuale e dei preparativi al nuovo terminal doganale. “Aumenteremo gli scambi con l’Albania. Questa è un’infrastruttura seria, creata per aprire lo sportello unico e un’altra conferma che stiamo camminando sulla strada giusta”.

 

Esteri

SERBIA
Il presidente Aleksandar Vucic, ha detto a Bucarest che i primi ministri di Romania, Bulgaria e Grecia hanno parlato della prosecuzione delle opere di urbanizzazione, e hanno trascorso gran parte del tempo a parlare dei temi dell’energia e la diversificazione delle fonti energetiche.

 

Economia

CROAZIA
Il vice primo Ministro e ministro dell’Agricoltura, Tomislav Tolušić ha aperto il 29 marzo, come inviato del Andrej Plenković, 22 Spring International, fiera di Bjelovar. Attività che è intrapresa dal Ministero dell’Agricoltura per aiutare gli agricoltori croati. “Sicuramente ci saranno misure volte ad aiutare i produttori di mele, altri frutti e verdure, mentre stiamo iniziando a costruire le infrastrutture per lo stoccaggio e la commercializzazione dei prodotti agricoli. Nei prossimi tre anni saranno costruiti 20 centri di cui sette centri di magazzino e di distribuzione per le mele e altra frutta e verdura, ognuna con una capacità di 5.000 tonnellate e 13 centri di stoccaggio per frutta e verdura, capacità individuale di 3.000 tonnellate. Vogliamo aiutare i nostri produttori e coltivatori di verdure, per quanto possiamo” ha detto il vice primo ministro e ministro agricoltura, Tomislav Tolušić a Bjelovar.

BOSNIA ERZEGOVINA
Jerlagic sul Blocco 7: l’Europa Occidentale ha usato lignite, accordi non validi. La Camera dei Popoli del Parlamento federale dichiara i due accordi la cui accettazione è necessaria al fine di iniziare a lavorare sul più grande investimento del dopoguerra in Bosnia-Erzegovina, la costruzione del blocco 7 TE Tuzla. Sulla realizzazione di questo progetto, tuttavia, l’Unione europea non sembra favorevole. Se la BiH usa la lignite, dovrà destinare un miliardo di euro di contributo all’Unione europea perché “creerà un problema ambientale”.

SERBIA
Il presidente della Serbia Aleksandar Vucic ha detto alla cerimonia per la pietra angolare di Linglong, fabbrica di pneumatici in Zrenjanin, che questo è il più grande investimento in Vojvodina, del valore di oltre 800 milioni di euro e che tutta la Serbia beneficerà di questa enorme fabbrica.

ALBANIA
Il presidente della SMI, Monika Kryemadhi ha incontrato diverse aziende agricole nella zona Leshnja, unità amministrativa Golem, per guardare da vicino i problemi degli agricoltori nella zona in cui una drastica riduzione di circa 6 volte le sovvenzioni agricole da parte del governo e la mancanza di mercato per vendere i loro prodotti, ha gravemente danneggiato tutti gli agricoltori del paese.

MACEDONIA DEL NORD
I lavori del ramo del gasdotto Negotino-Prilep-Bitola stanno procedendo bene. «La gassificazione è uno dei progetti più preziosi per i cittadini e le aziende del nostro paese», dice Zoran Zaev, Primo Ministro della Repubblica di Macedonia del Nord.

Redazione