BALCANI. Rallenta l’economia di Tirana

94

Interni

SLOVENIA
D’ora in poi il ministero dell’Agricoltura sloveno ha la direzione per l’alimentazione e la pesca. Secondo il Ministro di competenza Aleksandra Pivec, si è deciso su questo a causa della crescente sensibilità e le richieste dei consumatori per cibo sicuro e di qualità.
Il presidente sloveno Pahor non vede alcun motivo per cambiare ancora i vertici dell’esercito, Erjavec non ci pensa nemmeno. Il presidente Borut Pahor ha risposto ai media che il capo dello Stato maggiore delle forze armate slovene, Alenka Ermenc, dovrebbe essere licenziato. «Per la terza sostituzione nella parte superiore dell’esercito entro un anno, ci dovrebbero essere ragioni veramente giustificate, per farlo, ma non le vedo», dice Pahor.

CROAZIA
Live Wall, coalizione croata, ha presentato la lista per le elezioni europee: «La nostra è una vittoria, l’unica domanda è quando». Il partito Živi zid ha presentato domenica a Zagabria una lista di 12 candidati per le prossime elezioni per il Parlamento europeo nel 2019, e in quell’occasione il presidente del partito Ivan Vilibor Sincic ha invitato tutti i cittadini a rispondere al voto del 26 maggio e contribuire alla lotta per il futuro del popolo croato «all’interno di un grande meccanismo europeo per un processo decisionale centralizzato». Sincic ha anche detto: «La Croazia sceglierà il futuro della schiavitù e della libertà».

BOSNIA
Elezioni: nuovi membri della Camera dei Popoli della Federazione della Bosnia-Erzegovina; numericamente si completa di personale la delegazione del club del popolo serbo. Ai delegati serbi Nikici Bosniću, Mladenu Loniću e Draganu Stevanoviću sono stati assegnati i certificati sulla ripartizione dei mandati e hanno giurato presso la seduta odierna che è in corso a Sarajevo. Si tratta di una Camera nel nuovo mandato di quattro anni dopo le elezioni generali nell’ottobre dello scorso anno in Bosnia Erzegovina, ma non era stata completata la selezione della leadership dei tre membri della Camera, i cui membri sono scelti tra i delegati nominati.

MONTENEGRO
Firmato il contratto per la costruzione del ponte pedonale sulla strada principale Podgorica – Bijelo Polje. Il governo del Montenegro ha firmato il Contratto “Fidija” per la costruzione di un ponte pedonale, i cui lavori, finanziati dal Governo del Montenegro dal Bilancio del Capitale è di circa un milione di euro, e il termine del contratto per il completamento è di sette mesi dall’introduzione dell’appaltatore al lavoro. Il ponte pedonale sarà lungo quasi 63 metri, largo sette metri, e la sua intera lunghezza è rettilinea. La realizzazione di questo progetto consentirà la connessione della zona sportiva e ricreativa con il centro città, contribuendo anche alla maggiore sicurezza del traffico.

SERBIA
Djuric asserisce che milioni di cittadini serbi rimarranno con Vucic. «L’inevitabile collasso e il fiasco delle proteste sostenute da una classe politica corrotta del regime precedente, che la popolazione ha già accertato, e il giorno del giudizio per la politica è inevitabile per Vuk Jeremic», ha detto Djuric. In campo contro i manifestanti anche Vucic: la Serbia diventa un paese dal futuro sicuro. «La violenza in Serbia non passerà», ha detto Vucic, «Risponderemo sempre a loro in modo pacifico, civile e democratico. Non abbiamo bisogno di nessuno per attaccare, né abbiamo bisogno di alcun tipo di violenza» ha sottolineato. La popolazione vuole venire il 19 aprile nella capitale per dimostrare e desisteranno, vedranno solo una Serbia decente e moderna.

KOSOVO
Avdyli: Sono neutrale con Qen e Selmanaj. Il presidente uscente della LDK Branch di Prizren, Haxhi Avdyli, ha detto di non aver supportato né Driton Selmanaj né Anton Qunin nella corsa per il leader della LDK Branch nella Città Vecchia. «Io, come capo della sezione, lavorerò per un processo equo, un’atmosfera rilassata, senza improvvisazione, per l’approccio delle migliori persone dei quartieri e dei villaggi, per l’elezione del sindaco senza alcuna esitazione, per nessun candidato ma come garante delle condizioni per la concorrenza uguale per tutti gli interessati, non solo i due deputati ma ogni ambizioso attivista», ha scritto Avdyli in una reazione su FB.
Nel giro di cinque anni, il Kosovo è stato abbandonato da oltre 170.000 cittadini. Secondo i dati ufficiali, negli ultimi 5 anni, oltre 170.000 cittadini hanno lasciato il Kosovo. I rappresentanti delle organizzazioni per i diritti umani affermano che questo numero in realtà è ancora più grande. Secondo loro, la rimozione di questi cittadini dal paese è alquanto inquietante e sta avvenendo come conseguenza della lotta per l’esistenza.

ALBANIA
Gli ex parlamentari si appellano all’Assemblea, chiedono gli stipendi per mesi di boicottaggio. Ex legislatori dell’opposizione si sono rivolti al tribunale per ottenere gli stipendi quando erano ancora in carica e era in atto il boicottaggio parlamentare. Il valore richiesto all’Assemblea ammonta a 1 milione e 373 mila lek.

MACEDONIA DEL NORD
Pendarovski all’inizio della sua campagna elettorale ha dichiarato: «Insieme possiamo andare avanti!»; «Promuovere la coesione interetnica significa l’inclusione di tutte le comunità etniche nel sistema e nelle istituzioni, ed esternamente, la Macedonia deve essere integrata nelle strutture euro-atlantiche, senza integrazione non c’è vera democrazia e senza democrazia non c’è progresso».

 

Economia

CROAZIA
Bernardic si è scagliato di nuovo su Plenkovic: «Uljanik costa due milioni di kunas al giorno». Davor Bernardić ha accusato l’attuale governo dicendo che in due anni e mezzo non ha fatto nulla per risolvere i problemi del cantiere e come tutti i giorni la non-risoluzione di questo problema, costa allo Stato due milioni. Il governo non ha nessun piano per Uljanik e ora i cittadini croati dovranno pagare.

BOSNIA
Aljoša Čampara: il Blocco 7 è nell’interesse della federazione, non ci sono motivi per non sostenere la costruzione. Čampara ha detto che il Blocco 7 è importante per la Federazione e chiede di votare per l’adozione della proposta di decisione sulla concessione per il prestito di Elektroprivreda BiH dd Sarajevo dalla Export Import Bank of China per il progetto di building block 7-450 MW TPP Tuzla e proposta di decisione relativa all’approvazione della decisione sul rilascio di una garanzia della Federazione della Bosnia-Erzegovina a favore della Export-Import Bank of China per l’indebitamento della società pubblica “Elektroprivreda BiH” dd Sarajevo. Ricordiamo che l’Unione europea nelle scorse settimane aveva bocciato questa operazione. 

MONTENEGRO
l primo Ministro Markovic si è rivolto ai. rappresentanti del Parlamento studentesco UCG affermando: «Gli studenti hanno sentito i benefici della politica economica di successo»; «Siamo fortemente concentrati sulla crescita e lo sviluppo. Alti tassi di crescita economica del 4,7 e del 4,9 per cento, la crescita dei ricavi, riduzione del deficit, aumentare gli investimenti diretti, la riduzione della disoccupazione e la creazione di nuovi posti di lavoro, sono tutti i parametri incoraggianti e per i giovani che avranno il massimo beneficio da questo», ha detto il primo Ministro.

ALBANIA
L’economia sta frenando, la crescita economica rallenta al 3,1%. L’Institute of Statistics ha confermato che l’economia albanese ha rallentato nell’ultimo trimestre dell’anno, con una crescita economica del 3,1%. Questa è la crescita economica più bassa per 9 trimestri consecutivi.

MACEDONIA DEL NORD
Il primo ministro Zoran Zaev delega il governo sullo stato di avanzamento dei lavori sul gasdotto nella regione di Pelagonija: ridurre l’IVA per il gas al 5%, per l’energia più economica, per l’industria e le famiglie e l’abbattimento degli inquinanti atmosferici.

Redazione