BALCANI. La Serbia attrae più investimenti esteri, per lo più cinesi

42

Interni

SLOVENIA
Secondo il ministro della Pubblica Amministrazione, Rudy Medved, la proposta per trasformare i collegi elettorali in tutti gli otto collegi elettorali non ha ricevuto applausi.

CROAZIA
Secondo l’Opposizione croata, analizzando il mandato del primo Ministro Plenkovic, è facile vedere che in tre anni il governo ha spazzato via le leggi che sono sensibili per la sua visione del mondo, così come quelle relative al cambiamento delle regole elettorali e alla regolamentazione dei conflitti di interesse dei funzionari e dei salari dei funzionari: la legge sull’aborto, la legge sulla famiglia, la legge sui reati e il codice penale.

BOSNIA ERZEGOVINA
Ancora dissidi all’interno della presidenza bosniaca. La dichiarazione di Komsic sulle interferenze nel percorso comunitario della Bosnia ha suscitato l’attenzione dei politici della Bosnia-Erzegovina. Immediatamente, il membro della presidenza della Bosnia-Erzegovina Milorad Dodik si è fatto avanti e ha detto di aver compreso molto bene l’ultima dichiarazione del presidente della presidenza della Bosnia-Erzegovina Željko Komšić: si lamenta perché gli hanno tolto la scena, ha fatto intendere Dodik.

SERBIA

«Questa era e sarà la Serbia», ha dichiarato il presidente della SNS Aleksandar Vucic durante una manifestazione pre-elettorale presso il Palazzetto dello sport Nikola Tesla a Medvedja, annunciando che saranno investiti ingenti somme nel governo locale in infrastrutture, costruzione di reti idriche e fognarie, nonché strade locali.

KOSOVO

La coalizione preelettorale AAK-PSD agirà in questo modo: secondo fonti del quotidiano Blic, il partito di Ramush Haradinaj, l’Alleanza per il futuro del Kosovo, correrà per la prima volta con circa 40 nuovi candidati che saranno nominati solo dal KAA e non dall’altro partner PSD. Non solo il Kosovo reagisce alla proposta del leader del partito della Serbia unita Dragan Markovic Palma che ha dichiarato che la coalizione SPS nominerà Ivica Dacic per il nuovo primo ministro serbo. Questo significa dare ancora meno margine al dialogo con il Kosovo essendo Dacic molto vicino agli ambienti russi. 

ALBANIA

Il leader del Partito Democratico, Lulzim Basha, ha riunito tutti i delegati della DP nei distretti e giovedì, il leader dei Democratici ha convocato un incontro con i suoi alleati dell’opposizione. Basha ha annunciato il ritorno delle proteste di massa a settembre, ma finora non sono stati rivelati dettagli sull’azione dell’opposizione, non solo l’opposizione ha presentato all’OSCE / ODIHR una relazione con prove concrete delle irregolarità da essa identificate per il voto del 30 giugno. Pur chiamando il processo incostituzionale e illegale, poiché il presidente Ilir Meta ha cancellato il 30 giugno come data delle elezioni locali che si sono poi tenute, l’opposizione ha raccolto prove di irregolarità identificate ai seggi. Il rapporto, infatti, include prove del voto di gruppo, pressioni sull’amministrazione a partecipare al processo e voto aperto per i candidati al sindaco rinascimentale, fotografare il voto, votare a nome di coloro che non hanno partecipato al processo o quelli che risultano essere all’estero.

Esteri

SLOVENIA

La commissione parlamentare dei servizi segreti e di sicurezza ha preso atto della relazione del Centro di Ginevra per il controllo democratico delle forze armate sulla migrazione illegale e lo sviluppo delle organizzazioni criminali.

CROAZIA
Il ministro degli Esteri croato Gordan Grlic Radman ha parlato il 3 settembre a Bled dei preparativi della Croazia per la presidenza dell’UE nella prima metà del prossimo anno, sottolineando che Zagabria si impegnerà per un percorso europeo per i paesi dei Balcani occidentali durante quel periodo.

BOSNIA ERZEGOVINA
Il professore Sead Turcalo dell’Università di Sarajevo, ha detto che: «Dopo che il membro della presidenza serba Milorad Dodik ha dichiarato al reporter russo che per la Bosnia ed Erzegovina non era realistico imporre sanzioni alla Russia e che avrebbe rifiutato l’adesione all’UE se fosse una condizione d’ingresso per l’Unione, è diventato evidente che Mosca voleva bloccare il nostro paese non solo sulla strada per la NATO, ma anche a Bruxelles».

MONTENEGRO

L’integrazione europea è una responsabilità congiunta dei Balcani occidentali e dell’Unione europea, ha affermato il ministro degli Esteri montenegrino Srdjan Darmanovic al Bled Strategic Forum (BSF), al quale hanno partecipato, tra gli altri, alti funzionari dell’Unione europea, della regione e degli Stati Uniti. Dalla fondazione del Partito Democratico dei Socialisti (DPS) fino ad oggi, il presidente di quel partito, Milo Djukanovic, non ha subito più sconfitte e umiliazioni davanti all’Europa e ai suoi cittadini rispetto al giorno in cui ha adottato il Piano di Bruxelles, secondo il Democratic Montenegro.

Economia

SLOVENIA
Il governo ha adottato una decisione sulla destinazione di cinque milioni di euro dalla riserva di bilancio generale al ministero degli Interni o alla polizia. I fondi sono destinati a coprire i costi del lavoro in base a un accordo tra il governo e i due sindacati di polizia, rispettivamente. per pagare le prestazioni lavorative a causa dell’aumento del carico di lavoro degli agenti di polizia. 

Il sesto blocco della centrale termoelettrica di Šoštanj, che è stato chiuso 18 giorni fa a causa di difficoltà nello svuotamento della cenere. Il lavoro non è stato ancora completato. Il blocco dovrebbe essere operativo all’inizio della prossima settimana, riporta la STA.

MONTENEGRO
Il Montenegro lamenta che non ci sono ancora finanziatori per l’oleodotto Ionio-Adriatico. Il progetto concettuale del gasdotto ionico-adriatico (IAP), che passerà anche attraverso il Montenegro, è in costruzione e dovrebbe essere completato entro settembre del prossimo anno, ha annunciato il Ministero dell’Economia. Il gasdotto è pianificato per collegare la città albanese di Fier con Spalato, fornendo una fonte di approvvigionamento di gas naturale per Albania, Montenegro, Bosnia ed Erzegovina meridionale e Croazia.

SERBIA

Secondo il Financial Times la Serbia annovera un primato nel 2018 in materia di sviluppo economico che ha attratto più investimenti cinesi nel 2018 rispetto a qualsiasi altro paese in relazione al suo prodotto interno lordo. La Serbia attrae quasi 12 volte più investimenti diretti esteri di quanto ci si possa aspettare da un’economia delle sue dimensioni; i principali settori della Serbia per investimenti diretti esteri sono l’industria dei componenti automobilistici, alimentare e del tabacco, tessile e immobiliare. I cinesi stanno investendo ingenti somme di denaro in Serbia. Il primo investimento fu il Ponte Pupin a Belgrado tra Zemun e Borca, che costò 260 milioni di euro. All’inizio del 2017, Hestil ha acquisito l’acciaieria di Smederevo per 46 milioni di euro e ha avviato un ciclo di investimenti di diverse centinaia di milioni di euro.

Redazione