BALCANI. La Bosnia punta alla riconciliazione: riaperta la Moschea Colorata di Foca 

67

Il 4 maggio, migliaia di musulmani si sono riversati nella città di Foca per la riapertura di una storica moschea rasa al suolo all’inizio della guerra in Bosnia, in una cerimonia volta ad incoraggiare la tolleranza religiosa tra comunità ancora profondamente divise. La moschea di Aladza del XVI secolo fu uno dei capolavori più importanti dell’architettura classica ottomana nei Balcani prima della sua distruzione nella guerra del 1992-95 da parte delle forze serbo-bosniache che cercavano di ritagliarsi uno stato etnicamente “puro”.

La città di Foca divenne famosa per le persecuzioni di massa e le uccisioni di non serbi che vi hanno avuto luogo durante il conflitto. Prima della guerra, i musulmani bosniaci costituivano il 51% dei suoi 41.000 abitanti, mentre i rimanenti erano prevalentemente serbi. Oggi, tra circa 18.000 residenti, rimangono poco più di 1.000 bosniaci, riporta Efe.

Oggetti sacri gettati nelle discariche sono stati restaurati e rimessi nella moschea per segnare l’inizio di una nuova era in questa parte del paese. Situata nella valle vicino al fiume Drina, Aladza, conosciuta anche come Moschea Colorata, era una delle 17 moschee ottomane a Foca. Cinque di esse furono distrutte durante la Seconda guerra mondiale, mentre le altre 12 furono demolite durante la guerra del 1990.

Durante la guerra, le autorità serbo-bosniache hanno cambiato il nome della città in Srbinje, ma la corte suprema della Bosnia ha ordinato il ripristino del nome originale, Foca, nel 2004. A ventiquattro anni dalla devastante guerra tra bosniaci musulmani, serbi ortodossi e croati cattolici, la Bosnia rimane ancora divisa su basi etniche, con gruppi e partiti rivali che bloccano la riconciliazione e le riforme necessarie per entrare nell’Unione Europea. 

I lavori di ricostruzione della moschea sono iniziati nel 2012 e sono stati finanziati dai governi della Turchia e degli Stati Uniti. «Aladza dovrebbe servire come monumento alla resilienza, alla riconciliazione e alla diversità», ha detto l’ambasciatore degli Stati Uniti Eric Nelson; il ministro turco della Cultura Mehmet Nuri Ersoy ha detto che la riapertura della moschea dimostra che «il razzismo e l’odio possono causare danni materiali ma non possono distruggere la cultura della coesistenza nutrita per secoli».

Secondo l’Unione Islamica della Bosnia, durante la guerra sono state distrutte 614 moschee, 218 sale di preghiera, 69 siti di corsi coranici, quattro logge dei dervisci, 37 tombe e 405 pezzi del patrimonio storico che appartengono a fondazioni musulmane, riporta Anadolu.

Circa 534 moschee nei territori controllati dalle forze serbe sono state distrutte, mentre 80 moschee sono state distrutte nei territori sotto il controllo delle forze croate. Secondo l’Unione, l’80% delle 1.144 moschee in Bosnia sono state distrutte o danneggiate e più di 100 imam sono stati uccisi dalle forze serbe e croate.

Tommaso dal Passo