BALCANI. Kosovo: per Mosca, Pristina è una violazione grave del diritto internazionale 

127

Interni

SLOVENIA
In una sessione straordinaria convocata su richiesta della SDS, l’Assemblea nazionale si concentra sulle misure del governo nell’assistenza a lungo termine. I parlamentari della coalizione hanno espresso opposizione alla proposta di raccomandazione di indagare la portata del finanziamento per progetti.

CROAZIA
Dietro le auto rubate, ha spiegato Davorka Becic, portavoce del dipartimento di polizia di Dubrovnik-Neretva ci sono storie tristi di croati che trasportano migranti vicino al confine montenegrino. Un croato ha rubato tre mezzi per lasciarli poi abbandonati al confine con il Montengro, mezzi utlizzati per trasportare migranti.

BOSNIA ERZEGOVINA
Il Consiglio dei ministri della Bosnia ed Erzegovina ha approvato il Regolamento sull’organizzazione interna dell’Istituto per l’esecuzione di sanzioni penali, detenzione e altre misure della Bosnia-Erzegovina, rimuovendo così l’ostacolo che ostacolava l’apertura di una prigione di stato a Sarajevo orientale. Il primo Ministro FBiH Fadil Novalic ha avvertito che scene e informazioni orribili provengono da Bihac e che la Croce Rossa e la città di Bihac si stanno ritirando dal centro di migrazione di Vucjak, mentre il ministero degli Interni del Cantone Una-Sana (MIA) continua dirigere verso quel centro una colonna di migranti.

MONTENEGRO
Dejan Milovac della rete di affermazione del settore non governativo (MANS) afferma che è prassi nei paesi sviluppati dell’Unione europea dimettersi da un funzionario pubblico corrotto e quindi consentire indagini. Il Montenegro è stato scosso da almeno tre grandi scandali dall’inizio dell’anno. Tuttavia, nessuno dei funzionari governativi si è dimesso. Gli interlocutori di DW affermano che tre decenni al potere hanno dato alla squadra di Milo Djukanovic un senso di onnipotenza.

SERBIA

Il presidente di Insieme per la Serbia, Nebojsa Zelenovic ha detto che la Serbia deve puntare a elezioni corrette, Vucic non può ingannare gli estranei.

KOSOVO
«I nostri cittadini si aspettano che facciamo ciò che possiamo per farlo e iniziamo i colloqui direttamente come due governi. Ho già incontrato il Primo Ministro Denis Zvizdic (Presidente del Consiglio dei Ministri della Bosnia-Erzegovina) per accelerare la questione dei visti», a fare queste dichiarazioni il neo primo Ministro kosovaro Albin Kurti.

ALBANIA
Rama da soldi agli inceneritori che non funzionano ma non ha soldi per i pensionati, lamentano dal PD albanese.

 Esteri

SLOVENIA
Sarec spera che l’accordo sulla Brexit ottenga supporto. Il primo Ministro ha anche criticato l’intero processo di ricerca di un accordo sulla Brexit, che, ha affermato, non contribuisce certamente alla reputazione dell’UE e del Regno Unito. “O restano o vanno, basta indugi”.

KOSOVO
«Il Kosovo non è uno stato e questo è ovvio, è solo un tentativo da parte di diversi stati di spingere quel riconoscimento», ha detto oggi la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zaharova alle Nazioni Unite: «Non è uno stato e qui c’è un aspetto politico. è una grave violazione del diritto internazionale, della sovranità e dell’integrità territoriale».

ALBANIA
Il primo ministro Edi Rama ha pubblicato su Facebook una foto dell’incontro con i primi Ministri del Partito socialista europeo e i commissari socialisti europei, a cui ha partecipato, insieme al primo Ministro della Macedonia del Nord, Zoran Zaev.

MACEDONIA DEL NORD
Zoran Zaev: se la UE non inizia i negoziati con la Macedonia del Nord il governo è morto; i cittadini macedoni chiedono più valichi con la Bulgaria

 Economia

CROAZIA
Lo stato aumenterà gli stipendi pubblici solo del 4% e non del 6% con buona pace del sindacato, affermano i ben informati.

MONTENEGRO
La sessione del governo del Montenegro si è tenuta oggi a Pljevlja e il primo Ministro Dusko Markovic ha annunciato dopo la sessione che i progetti per un valore di 100 milioni. La riabilitazione della discarica di Maljevac del valore di 3,2 milioni sarà completata, gli stagni di sterilizzazione della miniera Šuplja Stijena 7,8 milioni e la ricostruzione ecologica del TPP Pljevlja del valore di 54 milioni.

SERBIA
Anche la Serbia avvia un processo di depurazione dell’ambiente. A Bocki arriverà l’acqua. Il presidente serbo, Aleksandar Vucic, grazie a un accordo di prestito del valore di 35 milioni di euro potrà costruire un sistema fognario sulla riva sinistra del Danubio. L’accordo è stato firmato mercoledì presso la sede della Banca europea per gli investimenti (BEI) a Lussemburgo.

Redazione