BALCANI. KOSOVO. Ecco i politici che si sono arricchiti

68

Interni

CROAZIA
Il nuovo Ministro degli Esteri croato Gordan Grlić-Radman si dichiara favorevole al processo di allargamento della UE verso il sudest europeo, ma ritiene necessario che i nuovi paesi debbano impegnarsi a perseguire determinati obiettivi imposti dall’integrazione europea. Lo stesso Grlić-Radman ha definito un “momento storico” l’assegnazione alla Croazia della Presidenza del Consiglio Europeo a partire dal 2020. Radman, nell’intervista per il primo programma della radio croata, ha detto poi che si aspetta che i suoi omologhi sloveni discutano la soluzione bilaterale alla questione del confine. La Croazia ha già espresso tali aspettative in diverse occasioni, sebbene per più di un anno il tribunale arbitrale abbia governato il confine tra i due paesi, ma Zagabria non è rispettata. Radman ha affermato che sia la Croazia che la Slovenia sono diventate membri dell’UE senza una disputa di frontiera risolta. Ha sottolineato che la Croazia, in quanto membro della NATO e dell’UE e nel contesto della prossima presidenza del Consiglio dell’UE, ha un ruolo responsabile nel promuovere la risoluzione di tutte le questioni in sospeso. Radman è a capo della diplomazia croata dal 19 luglio, dopo un rimpasto di governo. È succeduto a Marija Pejčinović Burić, che assumerà l’incarico di segretario generale del Consiglio d’Europa in autunno.
La maggior parte dei deputati di luglio è stata ingiustificatamente assente dalla sessione straordinaria del Parlamento; per questo il Parlamento ha deciso di tagliare i rimborsi parlamentari a causa dell’assenza ingiustificata di luglio. La multa è pari a 150 lune giornaliere. Non sono venuti alla discussione sulla ricostruzione del governo né hanno presentato scuse documentate valide ai parlamentari dell’SDP: Sabina Glasovac, Domagoj Hajdukovic, Boris Lalovac e Marta Luc Polanc e Bruna Esih dell’Indipendente per la Croazia, Ivan Lovrinovic del Cambiamento Croazia e Rappresentanti Indipendenti Ana Komparić Devčić e Marin Škibola.
Altro nuovo ministro è Josip Aladrovic, 34 anni, oggi guida il ministero del Lavoro e del Sistema pensionistico, e quindi successe a Marko Pavic che, a sua volta, è diventato il nuovo ministro dello Sviluppo regionale e dei fondi dell’Unione europea. Ma ciò che è interessante è il primo discorso di Aladrović al pubblico, in cui ha menzionato la sua iscrizione alla HDZ da minorenne, eventualità inammissibile nel paese. 

SERBIA
Il ministro degli Esteri serbo Ivica Dacic ha annunciato sabato scorso che fino a 14 paesi hanno cambiato posizione e hanno ritirato o ridefinito la decisione di riconoscere l’indipendenza del Kosovo e che è stata l’ultima in quella linea della Repubblica Centrafricana, attribuendola alle sue pressioni per il ritiro del riconoscimento.
Il primo ministro Ana Brnabic ha affermato che Nenad Popovic ha reso una dichiarazione direttamente contraria alla posizione del governo di cui è membro. Brnabić ha ricordato che, in quanto ministro senza portafoglio, Popovic non è competente per l’accordo di Bruxelles e le valutazioni dell’accordo di Bruxelles, né per l’integrazione europea nel governo serbo.
«Tali dichiarazioni possono essere date come il presidente del partito, e non in nome del governo. Ogni ministro del governo è obbligato ad attuare una politica concordata e coloro che non sono in grado sono liberi di andarsene», ha detto il primo Ministro. Ricorda che il programma del governo adottato dall’Assemblea prevede che «l’UE rimane la nostra priorità e il nostro obiettivo strategico (…) Questa è una politica inequivocabile del governo e non è mai stata messa in discussione, la Serbia è stabile sulla strada europea» ha detto Ana Brnabic. Il Commissario europeo per la politica di vicinato e i negoziati per l’allargamento, Johannes Hahn, ha dichiarato poi che i requisiti fondamentali per l’integrazione della Serbia nell’UE sono la normalizzazione dei rapporti con il Kosovo e le riforme democratiche.
La Serbia sospetta che l’ex guerrigliero dell’UCK, Tomor Morina, arrestato nei giorni scorsi in Macedonia, sia colpevole di crimini di guerra. Nello specifico, avrebbe commesso dei crimini contro civili dell’area di Đakovica nel 1999, secondo quanto sostiene la Procura serba per i crimini di guerra. Per tale ragione ha chiesto la sua estradizione al governo macedone, non ottenendo al momento risposte. D’altra parte, il ministro degli esteri del Kosovo ha criticato l’arresto di Morina e le richieste serbe.

BOSNIA ERZEGOVINA
Nuova denuncia del PDP sulla repressione della democrazia nella RS da parte del membro serbo della presidenza della Bosnia-Erzegovina Milorad Dodik. Il PDP ricorda che Dodik nella prima sessione di settembre richiederà modifiche al Regolamento che degraderanno l’istituzione.
A Srebrenica, dei membri delle associazioni serbe hanno affisso una targa commemorativa dedicata ai “martiri serbi” che, secondo quanto scritto, avrebbero sofferto a causa dei “criminali musulmani”. I rappresentanti locali bosniaci hanno condannato il gesto come una provocazione.

MONTENEGRO
Una sentenza della Corte Suprema del Montenegro ha stabilito che gli ufficiali pubblici licenziati dal Parlamento non potranno fare appello alla Corte. Gli oppositori del Partito Democratico dei Socialisti, oggi al potere, vedono tale provvedimento come un esempio di autoritarismo. D’altra parte, il Partito Democratico Socialista ritiene che questa sentenza afferma ulteriormente l’autorità del Parlamento e il principio della divisione dei poteri.
Il primo ministro montenegrino Dusko Markovic ha dichiarato a Bijelo Polje che l’offerta del Partito Democratico dei Socialisti era aperta all’opposizione per la riforma della legge elettorale.
Si è scoperto che il vicedirettore dell’Agenzia anticorruzione, Savo Milašinović, è proprietario o comproprietario di diverse proprietà dallo scorso anno, ma l’istituzione presso cui è vicedirettore non ha avuto il suo consenso per ispezionare i suoi conti.
Concedere il consenso all’Agenzia per la conoscenza dei conti bancari non è un obbligo legale, ma il messaggio politico è pesante. 

KOSOVO
Il primo Ministro dimissionario del Kosovo, Haradinaj, ha esortato la Corte costituzionale a decidere in fretta sulla possibilità di convocare una sessione governativa. Haradinaj è appena tornato dall’Aia dopo essersi dimesso in seguito alle accuse di essere coinvolto in alcuni crimini di guerra commessi durante la guerra in Kosovo.
L’ex presidente della LDK, Fatmir Sejdiu, si candida alla guida del partito, a una settimana all’Assemblea elettorale della LDK. Sejdiu ha affermato di aver dato la sua disponibilità a diventare presidente. L’Assemblea elettorale della Lega democratica si terrà il 3 agosto. Si prevede che saranno eletti il ​​presidente del partito e le sue strutture di governo. L’attuale sindaco, Isa Mustafa, i vice presidenti Agim Veliu e Lutfi Haziri e Vjosa Osmani sono solo alcune delle persone che dovrebbero competere per la guida dell’LDK.

ALBANIA
La deputata del Partito Democratico albanese Albana Vokshi ha accusato il governo di Edi Rama di promuovere delle leggi che limitano fortemente la libertà di espressione e di stampa.
Ad Argirocastro, il leader del Partito Democratico Lulzim Basha ha sottolineato che, nel difendere i suoi clienti, Edi Rama ha allontanato gli investitori stranieri e li ha sostituiti con i suoi clienti: «Tutte le banche occidentali stanno lasciando l’Albania; La società tedesca Hochtif ha lasciato l’aeroporto Rinas; i banchieri lasciano l’Albania. Deutsche Telekom e T-mobile stanno lasciando l’Albania.
Solo l’Albania sotto Edi Rama e la Corea del Nord sono senza nuovi investimenti esteri negli ultimi sei anni. Senza investimenti esteri non c’è sviluppo economico, nuovi posti di lavoro, nessuna prosperità. Gli investimenti esteri sono indispensabili per qualsiasi paese per aumentare l’occupazione. L’occupazione è la nostra priorità più importante», ha detto Basha.

MACEDONIA DEL NORD
Il governo macedone e quello serbo hanno raggiunto un accordo sul controllo congiunto del confine Presevo-Tabanovce. Il Ministro dei Trasporti Zorana Mihajlović ha dichiarato che tali zone di controllo sono necessarie per facilitare le comunicazioni ed il flusso di beni e merci. Su proposta del Comitato Organizzatore, il Governo ha definito il Programma per la celebrazione della Giornata della Repubblica il 2 agosto Ilinden: lo slogan in base al quale tutte le celebrazioni sono unite è “Siamo tutti figli di Ilinden”. Problemi per l’approvazione del nuovo Codice Penale. Zaev deve chiedere aiuto alle diverse correnti del partito VMRO-DPMNE. Se la legge sull’accusa, già pronta per il voto, non venisse adottata entro la fine dell’estate, potrebbe significare la fine del processo di riconciliazione politica nel paese.

Esteri

CROAZIA
Il leader del partito socialdemocratico croato, Zoran Milanović, sostiene che sia necessario ridurre la presenza di soldati croati in Afghanistan. Pochi giorni fa, infatti, sono stati feriti tre soldati croati a causa di un attacco sferrato dai talebani. Uno di questi è deceduto, mentre gli altri due sono tornati in Croazia per ricevere le cure.
Il presidente croato, Kolinda Grabar-Kitarovic, in visita di stato in Israele, ha chiesto relazioni più strette tra i due paesi. 

Economia

SLOVENIA
Il governo sloveno ha stanziato quasi due milioni di euro per migliorare le strutture di alcune scuole a Lubiana. Il Presidente della Repubblica slovena Borut Pahor si dichiara favorevole all’impiego dell’energia nucleare, nonostante la presenza di alcuni rischi per la sicurezza. Egli aggiunge che le energie rinnovabili non potrebbero sostituire l’energia nucleare. Si ricorda che il governo sloveno dovrà presentare, entro la fine dell’anno, un piano energetico dal nome JEK 2. Questo comporterà la costruzione di un secondo reattore nucleare a Krško.
L’anno scorso le imprese di costruzione in Slovenia hanno eseguito lavori di costruzione per un valore di 2,57 miliardi di euro: il 29 percento in più rispetto all’anno precedente, secondo quanto riferito dall’Ufficio statistico statale. Questa volta, per il secondo anno consecutivo, il valore del lavoro svolto è stato superiore a quello dell’anno precedente e ha superato anche quello del 2010. I lavori di costruzione sono stati pari a 1,35 miliardi di euro, il 35% in più rispetto al 2017. I lavori relativi a progetti di ingegneria civile nel periodo comparativo sono aumentati del 23% a 1,22 miliardi di euro. Il valore delle costruzioni realizzate è aumentato del 28%.
In Slovenia di tutte le società che sono state recentemente create e hanno iniziato a operare nel 2012, era ancora attivo solo il 37,6 per cento dopo cinque anni nel 2017, secondo i dati dell’Ufficio nazionale di statistica.
Nel 2017, 7186 nuove società con almeno un dipendente hanno iniziato a operare in Slovenia, mentre altre 454 società hanno smesso di operare quest’anno. Il primo era del 14 percento in meno e gli altri del quattro percento in più rispetto al 2016. La stragrande maggioranza delle imprese appena nate o di grandi dimensioni del 2017 ha impiegato fino a quattro persone. Di questi, il 97% era il primo e il 98% era tra i primi.

CROAZIA
Il Primo Ministro Plenković ed il suo vice Marić hanno presentato la quarta parte della loro riforma finanziaria. L’IVA nel settore della ristorazione è stata ridotta al 13%, sono state riviste le tasse su alcol e sigarette, e i giovani sotto i 25 sono adesso esentati dall’imposta sul reddito. Parte di queste misure mirano a rivitalizzare il settore del turismo.

BOSNIA ERZEGOVINA
La Federazione dei datori di lavoro della FBiH richiede miglioramenti fischia per fornire condizioni commerciali più favorevoli, attrarre maggiori investimenti, introdurre nuove tecnologie e aprire nuovi posti di lavoro, secondo il Presidente Adnan Smailbegović. Vi è una discussione particolarmente intensa di una serie di leggi in materia di contributi, imposta sul reddito e imposta sul reddito.
Nel dettaglio si chiede la riduzione dei contributi dal 41,5 percento degli stipendi netti sarebbero ridotti al 32 percento nel primo anno di applicazione preponi passare al 26,5 percento del salario netto; impegno ad aumentare il salario minimo a circa 500 – 600 DM, a condizione che il contributo sia ridotto.

SERBIA
I deputati del Parlamento serbo hanno adottato un emendamento su una legge che prevedeva che un cittadino non potesse disporre di una abitazione dopo aver contratto un debito comunale inferiore anche a 5.000 euro.

KOSOVO
Negli ultimi tre anni sono emersi dati sull’arricchimento di alcuni politici. La loro ricchezza è aumentata di migliaia di euro, dal 2017 al 2019. Secondo alcune statistiche presentate dal Movimento “FOL”, risulta che la ricchezza dei funzionari statali è costantemente aumentata. Ramush Haradinaj, che dal 2017 al 2019 ha avuto un aumento di 820.610,49 euro, seguito dal suo vice primo ministro, Dalibor Jevtić, il cui grande elenco di beni patrimoniali negli ultimi tre anni è aumentato di 1.021.021,22 euro; Hashim Thaci con un aumento di 66.513,75 euro per tre anni, Enver Hoxhaj con 53.328,26 euro, Fatmir Limaj 40.278 euro, Behxhet Pacolli 28.221.517,62 euro e Dardan Gashi 19.771,81 euro.
Tuttavia, il vice primo ministro del Kosovo Behxhet Pacolli continua a guidare la lista come funzionario più ricco del paese. La fortuna ufficiale del vice primo ministro del Kosovo Behxhet Pacolli è di 724.588.896,62 euro; il secondo è Hashim Thaci, la cui tenuta è di 4.248.756,00 euro seguita dal primo Ministro dimissionario, Ramush Haradinaj con 1.864.817,20 euro. Seguono Hajredin Kuçi 1.425.885,00 euro, Fatmir Limaj 881.950,00 euro, Bujar Bukoshi 741.625,00, Isa Mustafa 651.069,73 euro. Dardan Gashi 616.493,81 euro, Dalibor Jevtiq 571.861,38 euro e Edita Tahiri con 537.667,57 euro.

Redazione