BALCANI. In Croazia il gasolio costa di più della benzina

79

Interni

SLOVENIA
Le elezioni europee sono entrate nel vivo dei paesi balcanici e tutte le testate sono concentrate sulle campagne elettorali dei vari candidati. Il Premier Marjan Šarec ha parlato sul calo del consenso al governo: «La campagna per le elezioni europee è iniziata e, naturalmente, non tutti sono interessati ad avere successo». A margine della sessione dell’Assemblea nazionale ha anche commentato su temi di attualità, tra cui la caduta del sostegno del governo e la nuova normativa pensionistica; Preac si è dimesso dalla candidatura per le europee su di lui e i suoi fidatissimi come Jelincic l’ombra della corruzione. Poco prima dell’inizio della campagna ufficiale per le elezioni europee, la SNS sta lavando i panni sporchi. Gregor Preac, che avrebbe dovuto essere l’uomo che aveva in mano il gruppo nelle prossime elezioni è stato vinto dal leader del partito Zmago Jelincic.

BOSNIA
La Presidenza del Fronte Democratico dovrebbe prendere la decisione finale sull’opportunità di negoziati per formare un governo con la SDA, HDZ e SNSD a livello statale, e con la SDA e HDZ presso l’entità della Federazione.

SERBIA
Markovic, parlamentare del SNS ha detto: «Non è un segreto che i rappresentanti dell’opposizione contano sul sostegno di alcuni paesi occidentali per raggiungere i loro obiettivi, per arrivare al potere in Serbia senza un voto». Il presidente della Serbia e del SNS Aleksander Vucic ha annunciato che le elezioni in SNS saranno completate entro la fine dell’anno. «Vogliamo vedere persone che hanno fatto bene, nell’interesse dei cittadini, ricevere sostegno. (…) Sono necessari cambiamenti nelle infrastrutture locali e la SNS è pronta ad ascoltare non solo le proposte dei membri del partito, ma anche le persone “ordinarie”».

KOSOVO
KDI: ritardi e interruzioni all’Assemblea sulla questione del dialogo nel 2018. Durante una tavola rotonda su “Come rendere più efficace il dialogo parlamentare sul dialogo Kosovo-Serbia?”, l’Istituto Democratico del Kosovo (KDI) ha pubblicato un rapporto su come l’Assemblea del Kosovo ha gestito il Kosovo-Serbia durante il 2018. Presenti a questa tavola rotonda erano membri dell’Assemblea del Kosovo e membri della società civile.

ALBANIA
La Polizia di Stato inizierà la formazione presso l’Accademia della sicurezza per creare le condizioni per il progresso del processo elettorale. Nel suo discorso, il capo della polizia di stato, Ardi Veliu, ha detto che la polizia garantisce l’esercizio del diritto di voto per tutti i cittadini albanesi: «La polizia opera in conformità con la legge. Esempi sono i precedenti processi elettorali in cui la polizia ha esercitato bene la propria funzione. La formazione inizia oggi con i leader centrali e continuerà con tutti i dipendenti coinvolti».

 

Esteri

KOSOVO
Il comandante della KFOR, il generale italiano Lorenzo D’Addario ha detto che non vi è alcuna indicazione che possa esserci un incidente in Kosovo e ha aggiunto che KFOR è pienamente impegnata a svolgere il proprio mandato in conformità con la risoluzione 1244.

ALBANIA
L’ambasciatore dell’Unione europea a Tirana, Luigi Soreca, ha raccomandato nuovamente il dialogo per la politica albanese per progredire sulla via dell’integrazione europea. In un post su Twitter in occasione della visita dei rappresentanti dei paesi dell’UE a Tirana, Soreca elogia i progressi compiuti dallo scorso giugno, ma afferma che c’è ancora lavoro fino a giugno, quando è attesa la valutazione per l’Albania.

MACEDONIA DEL NORD
Bujar Osmani, vice primo Ministro per gli Affari europei, ha detto: «La Macedonia del Nord è pronta per iniziare i negoziati di adesione oggi. Mantenendo il ritmo della riforma, convinceremo gli Stati membri dell’UE che l’apertura dei negoziati di adesione è di reciproco interesse, creando un’Europa più sicura, più stabile e più prospera».

 

Economia

CROAZIA
ZSSS e Pergam sono critici nei confronti delle proposte governative in materia di pensioni, disoccupati e imposte sul reddito. I sindacati ZSSS e Pergam sono contrari alla maggior parte delle modifiche proposte dal governo in materia di pensionamento, sussidi di disoccupazione e imposte sul reddito delle persone fisiche. Si aspettano che le proposte cambieranno nei negoziati del FSE. La benzina è più costosa del diesel. Il prezzo regolamentato della benzina a 95 ottani è aumentato di 2,9 cent a 1,295 euro, mentre il prezzo regolamentato del gasolio è sceso di 1,1 cent a 1,258 euro al litro.

BOSNIA
II presidente della Camera croata Burilović: «Lo sviluppo sostenibile non è una tendenza, ma un obbligo per il futuro. La Croazia nel mese di luglio ha ottenuto una grande prova per la nostra società in cui possiamo scegliere di essere creatori attivi di cambiamento, piuttosto che osservatori passivi. Vale a dire, quindi, al Forum politico delle Nazioni Unite, presenteremo il nostro primo sondaggio nazionale volontario sul raggiungimento di 17 obiettivi di sviluppo sostenibile. Si tratta del livello più importante del processo di tracciamento degli obiettivi attraverso tre dimensioni: economica, sociale e ambientale».

MONTENEGRO
Il primo Ministro Duško Marković alla conferenza “Towards Entrepreneurship-Innovation Ecosystem in Montenegro: «Crna Gora svilupperà un’economia e un’innovazione basate sulla conoscenza, mentre allo stesso tempo lavorerà per fermare la partenza di persone di talento in altri paesi». Marković ha aggiunto: «In questo momento e in altri luoghi, i 60 milioni di euro di Capital Budget di quest’anno hanno iniziato a essere spesi, quasi l’80% al Nord. Ciò significa che investiamo in Montenegro e creiamo le condizioni per una vita migliore dei cittadini, in particolare di quelli che vivono nel Nord».

Redazione