BALCANI. Il Montenegro adotta la nuova legislazione contro la tratta di esseri umani 

133

Diamo spazio ad un monitoraggio su un’area molto vicina all’Italia e nostra dirimpettaia: l’area balcanica. Leggendo le testate dei diversi stati e i social media ad esse collegate, cercheremo di cogliere notizie trend e curiosità dell’altra parte dell’Adriatico. Suddividiamo in tre grandi aree le diverse notizie: Interni, Esteri, Economia.

Interni

SLOVENIA
Il Sottosegretario di Stato presso l’Ufficio del primo Ministro, Peter Vilfan, ha inviato una dichiarazione di dimissioni al primo Ministro Marjan Šarc, dopo accuse in merito a rimborsi gonfiati; in precedenza si era dimesso il ministro per l’Ambiente dopo lo scandalo della costruzione della linea ferroviaria; siamo così a tre ministri e a un sottosegretario di Stato andati via per diversi motivi dal governo Sarac. 

CROAZIA
Il parlamento croato non ha approvato la legge sull’aborto nei tempi stabiliti. Il presidente del Parlamento croato Gordan Jandrokovic ha inviato una lettera al presidente della Corte costituzionale Miroslav Separovic in cui riferisce che il Parlamento non ha votato nei tempi stabiliti la nuova legge sulle misure sanitarie per la realizzazione del diritto di decidere liberamente sull’aborto. Infine, grande risalto mediatico ha ricevuto il completamento, dopo 25 anni, dell’autostrada Sokac. 

BOSNIA
Transparency International in Bosnia-Erzegovina (TI BiH) ha intentato una causa contro il ministero degli Affari Interni della Repubblica di Serbia (RS MUP) per omessa segnalazione degli agenti di polizia per l’uso della forza nei giorni in cui a Banja Luka la polizia ha usato violenza contro i cittadini che manifestavano in sostegno alla famiglia dello studente ucciso David Dragicevic. Un piccolo terremoto politico ha sconvolto la federazione di Bosnia per la scelta della giornata del primo marzo come festa Nazionale, a protestare Dodik e i suoi fedelissimi, la notizia ha occupato molte pagine dei media e social locali.

MONTENEGRO
Il Montenegro adotta una normativa contro la tratta degli esseri umani; i cui obiettivi tra 2019-2024 sono: migliorare l’efficienza e la funzionalità del sistema di prevenzione, l’identificazione, la protezione, l’assistenza e il monitoraggio delle vittime della tratta, con particolare attenzione ai bambini, così come l’efficienza delle indagini, l’azione penale e punito secondo il codice penale. Il Parlamento del Montenegro ha ratificato anche il Protocollo per l’adesione alla NATO della Macedonia del nord.

KOSOVO
Il presidente del paese, Hashim Thaci, ha partecipato al Summit della diaspora insieme al primo Ministro albanese Edi Rama e altri leader albanesi dove si è lamentato del fatto che, nonostante i 116 riconoscimenti internazionali, non sono stati molti i progressi fatti dal Kosovo. Il primo Ministro del paese, Ramush Haradinaj, ha detto di essere sorpreso dai leader del suo paese su come accettano rapidamente le condizioni della Serbia, il primo Ministro è fermamente convinto che la tassa del 100% sui prodotti serbi debba restare

ALBANIA
Balla, presidente del gruppo parlamentare socialista, in un incontro con la cittadinanza ha riferito che l’attuale situazione creatasi in Albania non solo non ha un sostegno internazionale, ma danneggia soprattutto il percorso europeo dell’Albania e lascia senza rappresentanza buona parte dei cittadini albanesi. Per Balla, la rappresentanza di Lulzim è la nuova istituzione della giustizia. Si parla di elezioni il 30 giugno. 

Esteri

SERBIA
La multinazionale svedese Transcom ha scelto Novi Sad per il suo secondo investimento nella Repubblica di Serbia. Dopo cinque anni di attività nel mercato serbo e circa 400 professionisti impiegati nell’ufficio di Belgrado, l’investimento in Novi Sad offrirà nuovi posti di lavoro a circa 120 esperti specializzati nell’esperienza utente.

Economia

SLOVENIA
Il partito SDS ha proposto di alzare le pensioni minime. 

SERBIA
In Serbia da oggi è possibile fare certificati fiscali sulle passività pagate in formato elettronico.

ALBANIA
Le rimesse sono state per quasi 3 decenni la principale fonte di reddito per gran parte delle famiglie albanesi.

Redazione