BALCANI. Bosnia Erzegovina: inchiesta interna della polizia per le violenze sui migranti

90

Interni

SLOVENIA
I membri del governo e della coalizione si incontreranno oggi alla conferenza di Brdo pri Kranju. Si discuteranno i principali progetti nei prossimi mesi, tra cui misure sanitarie, riforme fiscali, progetti infrastrutturali e il modo in cui saranno realizzati i finanziamenti dell’istruzione. Si prevede inoltre di discutere delle relazioni interne alla coalizione.

CROAZIA
Con l’arrivo della primavera o dei giorni più caldi, gli esperti di sicurezza prevedono che i migranti apriranno nuove rotte di transito attraverso la Croazia. Si teme che una rotta attraverserà il fiume Sava, verso la Repubblica serba di Bosnia ed Erzegovina, e un’altra attraverserà l’Adriatico verso l’Italia.  

BOSNIA
I social network riportano il filmato di un poliziotto croato che costringe un gruppo di migranti a cantare: “Dinamo Zagreb”. Il Centro studi sulla pace ha ricevuto una conferma dal Ministero degli Interni croato sul fatto che l’ufficiale di polizia croato fosse il responsabile d’aver ripreso il gruppo di immigrati e di averli forzati a cantare i cori da tifoseria. Il video è stato girato il 6 marzo nella zona della stazione di polizia di frontiera di Cetingrad. La polizia avrebbe avviato procedimenti disciplinari contro tre agenti di polizia, e il poliziotto che ha filmato i migranti sarebbe stato sospeso dal servizio. Secondo il sito di informazioni Index.hr, i migranti in questione che hanno cercato di entrare in Croazia, sono stati rimandati in Bosnia-Erzegovina.

MONTENEGRO
ll deputato del DF Milan Knezevic e gli avvocati della difesa Drazen Medojevic e Jugoslav Krpovic hanno chiesto il rinvio del processo per comportamento violento, in assemblea questa mattina, per preparare gli argomenti processuali conclusivi sul tentato attacco terroristico il giorno delle elezioni 2016.

SERBIA
Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha dichiarato che la Serbia, nonostante l’interruzione del dialogo con Pristina, è riuscita a mantenere la pace in Kosovo ed è attualmente l’unica soluzione per parlare e negoziare. Questi ha inoltre definito impossibile la soluzione di riconoscere il Kosovo come indipendente entro i suoi confini. Vucic si aspetta che Angela Merkel eserciti solo ulteriori pressioni su Pristina perché vengano aboliti i dazi, anche se non crede che ciò accadrà.

KOSOVO
Tra 181 città europee quotate da Numbeo – il più grande portale che raccoglie dati sui costi e sulla qualità della vita – Tirana è al 155 ° posto. Pristina è invece al primo posto come la città più economica d’Europa. Per determinare l’indice del costo della vita, Numbeo si basa su altri cinque indici come l’indice degli affitti, il costo della vita più l’indice di affitto, l’indice dei panieri di beni, l’indice dei ristoranti, l’indice del potere d’acquisto dei nativi. Per quanto riguarda l’indice degli affitti, ad esempio, Tirana è più costosa di Sarajevo, che nella classifica generale è più cara della capitale dell’Albania. Ma Tirana ha l’indice più basso dei Balcani per quanto riguarda il potere d’acquisto. Sebbene la città sia economica per gli stranieri che vengono a vivere in Albania, è molto costosa per la gente del posto. Numbeo, per determinare il costo della vita, prende come costo di riferimento New York (100esima) e confronta gli indicatori delle altre città.

ALBANIA
Il capo dell’OSCE in Albania, Bernd Borchardt, ha commentato l’importanza dell’approvazione della riforma elettorale albanese, e che i nuovi parlamentari che ricevono i mandati lasciati dall’opposizione possono dare il loro contributo e votare per la riforma. Per quanto riguarda le proteste dell’opposizione, ha spinto per un risultato pacifico, e per la partecipazione dell’opposizione alle elezioni locali.

 

Esteri

SERBIA
Ad Arilje, è stato inaugurato il piano di sviluppo dell’azienda produttrice di frutta “H & S”: un investimento congiunto di Serbia e Ungheria. Il ministro dell’Agricoltura Branislav Nedimović ha affermato che la lavorazione e l’esportazione di frutta all’estero sono la salvezza per gli agricoltori in Serbia. Nella prima fase dell’impianto ad Arilje saranno prodotti concentrati di polpa e frutta, mentre il resto del lavoro sarà svolto in Ungheria, con il piano di completare la produzione nelle fasi successive ad Arilje. Il ministro Nedimović ha inoltre dichiarato che l’iniziativa per la costruzione dello stabilimento era scaduta nel 2016, e che durante lo scorso anno il governo ha cercato partnership con aziende ungheresi e serbe, con ottimi risultati.

KOSOVO
Una delegazione di investitori statunitensi ha visitato la Camera di commercio del Kosovo. Il presidente della Camera di commercio, Berat Rukiqi, ha affermato che il paese deve costruire nuovi ponti con i mercati internazionali, mentre il capo della missione del consolato generale del Kosovo a New York, Teuta Sahatqija, ha affermato che la missione della diplomazia del Kosovo negli Stati Uniti è facilitare l’approccio delle imprese kosovare con quelle americane.

ALBANIA
Sebbene l’Albania sia entrata in una crisi politica, la maggioranza al governo pensa che dalla riunione di giugno del Consiglio dei ministri di Bruxelles si avrà il via libera per l’apertura dei negoziati di adesione all’UE. I dettagli sono stati dati dal ministro responsabile per l’Europa e gli affari esteri, Gent Cakaj.

MACEDONIA DEL NORD
Il primo ministro Zaev, in un incontro con il presidente del partito politico DIMAR e deputato al Parlamento greco, Theoharopoulos ha affermato che il trattato di Prespa è un passo storico e che in futuro si rivelerà utile per i cittadini della Macedonia del nord e della Grecia.

 

Economia

SLOVENIA
La Slovenia a gennaio ha esportato beni per un valore di 2,7 miliardi di euro e importato beni per 2,6 miliardi di euro. L’export è aumentato del 13,7% rispetto a gennaio dello scorso anno e l’import dell’8,7%. Nel mese di gennaio è stato raggiunto il sesto surplus commerciale consecutivo; e il più grande, per un valore di 120.9 milioni di euro.

CROAZIA
I dipendenti di INA Retail Services aumenteranno i guadagni mensili fino al 25% da aprile. Il risultato è stato ottenuto dalle trattative collettive tra INA MS, il sindacato petrolifero-INAŠ e il sindacato dell’industria petrolifera. I lavoratori nelle fasce medio-basse di stipendio godranno di un incremento del reddito mensile da 14-25%, attraverso un aumento di stipendio base e l’introduzione di un supplemento mentre per i lavoratori ai gradi superiori e per i dirigenti è introdotto un assegno mensile. Il nuovo sistema di stimolazione ha l’obiettivo di aumentare le vendite e l’adeguata ricompensa dei migliori lavoratori. Il gruppo INA gestisce la più grande rete di vendita al dettaglio nel paese, che attualmente conta 500 punti vendita al dettaglio per circa 200.000 clienti.

BOSNIA
L’Assemblea Nazionale della Repubblica serba di Bosnia Erzegovina ha preso oggi in considerazione diversi progetti di legge sul gioco d’azzardo, modifiche alla legge sulle fonti di energia rinnovabili e le modifiche alla legge sull’istruzione superiore. Il disegno di legge sulla città di Gradiska è anche all’ordine del giorno, così come gli emendamenti alla legge sull’organizzazione territoriale della Repubblica serba di Bosnia Erzegovina.

MONTENEGRO
Il ministero dei Trasporti, guidato da Osman Nurkovic, sostiene che i lavori imprevisti sulla strada da Smokovac a Mateševa sono inquadrate nel 10 per cento (80,95 milioni di euro) del costo totale del contratto di 890, 53 milioni; già note al pubblico e che nella realizzazione di questo progetto non ci saranno opere irrealizzate.

MACEDONIA DEL NORD
Le aziende locali non dovrebbero essere scoraggiate dalle procedure estese e lunghe per fare domanda per il sostegno UE; dovrebbero altresì acquisire maggiore esperienza in questo campo, perché dopo l’adesione all’UE, si avranno un numero molto maggiore di fondi. L’appello proviene dalla Camera economica della Macedonia dopo aver stimato che solo il 20 per cento dei fondi disponibili è utilizzato. Dal 2007 sono disponibili fondi di preadesione, concepiti per preparare lo stato, le istituzioni e la società civile a raggiungere il livello di sviluppo all’incirca uguale a quello degli Stati membri dell’Unione europea. Il settore privato e la costruzione della competitività delle imprese beneficiano ad esempio del Programma di Sviluppo Rurale – conosciuto come programma IPARD – che fornisce sostegno finanziario diretto per le aziende nel campo dell’agricoltura, dell’industria alimentare, e del turismo rurale.

Redazione