Baku liquida i russi

72

AZERBAIJAN – Baku. 14/01/14. La società energetica statale azera Socar, ha deciso di trasportare il petrolio attraverso l’oleodotto Baku – Tbilisi – Ceyhan, invece che attraverso l’oleodotto Baku- Novorossiysk. La questione di pompare petrolio attraverso l’oleodotto Baku – Tbilisi – Ceyhan è quasi decisa, fonte Socar citata da Trend Agency.

Socar e la società petrolifera statale russa Rosneft non hanno ancora trovato una soluzione reciproca e accettabile sui lavori del gasdotto, ha aggiunto la fonte che ha chiesto di rimanere anonima. I colloqui sono ancora in corso. La fonte ha detto che circa due milioni di tonnellate di petrolio, che Socar originariamente prevedeva di pompare via Baku- Novorossiysk, saranno pompati dall’oleodotto Baku – Tbilisi – Ceyhan ogni anno.

Il contratto per il transito del petrolio azero attraverso l’oleodotto Baku-Novorossiysk attraverso il territorio russo, in vigore da 17 anni, è stato revocato all’inizio di maggio. Se le parti non riescono a trovare un accordo, il pompaggio del petrolio dell’Azerbaigian attraverso il gasdotto sarà sospeso a metà febbraio 2014, in conformità con l’accordo. Il gasdotto è in attività da molti anni, e, quindi, necessita di ristrutturazione. E le parti non riescono a mettersi d’accordo su chi, come e in quale parte fare la ristrutturazione.

Socar ha anche la possibilità di trasportare fino a cinque milioni di tonnellate di petrolio aggiuntivo attraverso il BTC, ha aggiunto la fonte. «Tutte le questioni relative al pompaggio di petrolio aggiuntivo attraverso il BTC dalla SOCAR (così come in collaborazione con BP) sono stati quasi decise. Dopo la sospensione di olio di pompaggio via Baku- Novorossijsk, verrà trasportato attraverso BTC», ha detto la fonte. Oltre a Novorossiysk, il petrolio dall’Azerbaigian viene consegnato al porto georgiano del Mar Nero di Supsa, e da lì alla costa mediterranea della Turchia attraverso l’oleodotto BTC. Entrambi i percorsi sono in grado di soddisfare pienamente le esigenze di pompaggio di petrolio azero. L’oleodotto Baku- Novorossiysk trasporta il petrolio prodotto da Socar indipendente, così come dai campi onshore sviluppati nell’ambito di società miste. Il petrolio dell’Azerbaigian viene spedito dal porto Novorossiysk sotto il nome della miscela di esportazione russa, Urali. Questa è una miscela di olio pesante e di qualità degli Urali mescolata con un prodotto della Siberia occidentale fornita attraverso l’oleodotto Baku- Novorossiysk, il sistema si chiama Druzhba e viene quotato sulle borse mondiali ad un prezzo di 4 o inferiore a 5 dollari al barile il greggio azero. Socar ha detto in precedenza che Baku continuerà a immettere il petrolio attraverso il gasdotto russo – azero solo se è economicamente fattibile. In caso contrario l’offerta osserverà una battuta d’arresto. L’azienda ha esportato circa 1,75 milioni di tonnellate di petrolio attraverso oleodotto nord, Baku- Novorossiysk nel 2013, una cifra inferiore alle 2,06 milioni di tonnellate nel 2012 . Circa 169.360 tonnellate di petrolio sono stati esportati tramite l’oleodotto Baku – Novorossiysk nord a dicembre 2013 rispetto a 167.000 tonnellate nel dicembre 2012. L’oleodotto Baku – Novorossiysk ( noto anche come il Cammino del Nord Export Pipeline) è un oleodotto di 1.330 chilometri, che va dal Sangachal Terminal vicino alla capitale azera Baku al terminale Novorossiysk sulla costa del Mar Nero in Russia.