Consigliere musulmano per il Consiglio d’Europa

31

AZERBAIJAN – BAKU. 01/09/14. Il Presidente dei musulmani del Caucaso, Sheikh ul-Islam Pashazade, offre di inviare un rappresentante dell’Ufficio di presidenza, al Consiglio d’Europa. A riferirlo l’agenzia di stampa azera Trend. Il Presidente del Comitato lo ha detto a Baku in una riunione con il Vice Segretario Generale del Consiglio d’Europa, Gabriella Battani-Dragoni.

Secondo lui, il CMD ha una vasta esperienza e può aiutare a risolvere una serie di problemi. Pashazadeh anche osservato che l’uso della religione in alcune aree per uccidere la gente è deludente. Quello che sta succedendo in diverse regioni del mondo, dove musulmani e cristiani si uccidono a vicenda, preoccupa le figure religiose.
«In particolare, siamo preoccupati per gli avvenimenti in Siria, Palestina e l’Ucraina. Un altro grande problema è il Karabakh,nsiamo molto preoccupati. Nel Karabakh dall’Armenia nei territori occupati, ci sono le nostre moschee, sinagoghe, luoghi sacri. Sono stati. Vogliamo dare al Karabakh una risoluzione del conflitto entro i confini del’Azerbaigian», ha detto Pashazade.
Sheikh ul-Islam ha detto che alcune forze hanno infondatamente criticato l’Azerbaigian.
Secondo lui, l’Azerbaigian sta sviluppando la democrazia e i leader religiosi sono pronti a fornire assistenza allo Stato.
Pashazade ha notato che l’Azerbaigian è noto per la sua tolleranza del mondo, come il musulmano, cristiano, la comunità ebraica è unita, e le comunità si consultano a vicenda. Ha aggiunto che i membri di alcune comunità sono presenti in elezioni in altre comunità. Secondo lui, le visite reciproche di sinagoghe, chiese, moschee sono percepiti normalmente.
Battani-Dragoni ha domandato circa lo stato delle cose nella sfera religiosa in Azerbaigian.
I leader della comunità ebraica-cristiana dell’Azerbaijan, presente alla riunione ha sottolineato che, nonostante il fatto che il 90 per cento della popolazione è musulmana, le altre religioni sono rispettate qui, e vengono celebrate congiuntamente feste religiose, ci sono buone condizioni per le attività delle comunità religiose.
Zamgenseka CE notato che di recente è stata aperta a Strasburgo una Moschea e all’apertura vi erano sia le comunità cristiane che quelle ebraiche.
Riferendosi alla proposta del rappresentante Pashazade CMD, Battani-Dragoni ha valutato la proposta interessante e come esempio ha riferito che il Consiglio d’Europa ha anche un rappresentante della Chiesa ortodossa russa.