BAHREIN. L’economia cresce nel primo trimestre 2019

23

L’economia del Bahrein è cresciuta del 2,73% nel primo trimestre di quest’anno, mentre il World Investment Report ha indicato un aumento degli investimenti diretti esteri in Bahrein per raggiungere 1,5 miliardi di dollari nel 2018. Il rapporto ha rivelato che l’Arabia Saudita era in prima linea tra i paesi che hanno pompato gli investimenti all’interno del Regno, che ammontavano a più di 745 milioni di dollari.

Il governo del Bahrein ha annunciato il 13 giugno che l’economia è cresciuta del 2,73% nel primo trimestre del 2019, sostenuta dall’espansione nel settore non-oil, riporta Asharq Al Awsat. Il paese si era assicurato l’anno scorso dai suoi alleati del Golfo (Arabia Saudita, Kuwait ed Emirati Arabi Uniti) un aiuto finanziario di 10 miliardi di dollari per evitare una possibile crisi del debito.

La crescita annuale del Pil nel primo trimestre è stata accompagnata da un aumento della spesa per progetti infrastrutturali grazie al pacchetto di sostegno finanziario del Golfo, ha detto il governo.

Secondo il World Investment Report pubblicato dalla Conferenza delle Nazioni Unite per il commercio e lo sviluppo (Unctad), annunciato il 13 giugno durante un evento organizzato dal Consiglio per lo sviluppo economico del Bahrein, gli investimenti diretti esteri del Bahrein sono saliti a 1,5 miliardi di dollari nel 2018.

Il rapporto mostra che il tasso di crescita dei flussi di investimento in Bahrein ha raggiunto il 6%. Ha attribuito il crescente interesse degli investitori globali per il potenziale del settore manifatturiero del paese all’elevato contributo del settore all’economia. Il Bahrein ha visto crescere gli investimenti globali nel suo settore industriale.

Il settore del commercio al dettaglio e all’ingrosso è stato il secondo maggior contributo agli investimenti diretti esteri in Bahrein nel 2018, con investimenti per un valore di 670 milioni di dollari, secondo il Foreign Investment Survey, con lo Stato del Golfo oramai noto come un importante hub commerciale.

Maddalena Ingrao