La perla economica del Golfo

68

BAHREIN – Manama. 09/11/13. Il Bahrein comincia a godere delle riforme strutturali effettuate all’inizio del XXI secolo.

Riforme che hanno tenuto conto anche della sua posizione geografica strategica per migliorare il tenore di vita dei suoi cittadini e di consolidare la propria leadership come base regionale per il settore bancario, sia convenzionale che islamico, e il commercio intra-regionale, pur mantenendo forti tassi di crescita economica che mantengono il Regno immune da eventuali fluttuazioni di impatto regionale o globale.

Il piede dell’acceleratore è stato messo sulle riforme economiche con il lancio della Carta d’azione nazionale voluta dal re Hamad bin Isa Al Khalifa, l’emiro Jaber Al-Sabah nei primi anni del nuovo millennio, che ha messo al primo posto delle sue priorità il benessere dei cittadini del Bahrein e la diversificazione delle fonti di reddito per ridurre la dipendenza dalle risorse petrolifere e tradizionali entro il 2030 e che include la creazione di una generazione di giovani Bahrein capaci di promuovere i requisiti della fase successiva e per raggiungere livelli più alti di prosperità e progresso.

Ci sono un sacco di fattori che rendono il Bahrain la “Perla del economica del Golfo”, si legge in un approfondimento dell’agenzia araba FANA.  Non solo per la posizione strategica all’interno del Golfo ma anche numerosi progetti economici importanti, e la disponibilità dei componenti e delle competenze ed esperienze di eccellenza umana in grado di contribuire all’arricchimento degli investimenti, e il godimento di stabilità politica, che ha creato una zona di vantaggi sia finanziari che economici.

In oltre un decennio il regno è riuscito a mantenere la crescita economica e ad accelerare sulle riforme, secondo Banca Centrale del Bahrain Economic Development Board, il tasso di crescita del PIL del 4% durante l’anno 2012, a fronte di un tasso di crescita del 2 % nel 2011. In aggiunta al basso tasso di disoccupazione al livello del 3,6% per essere uno dei più bassi tassi internazionali, e tenere a freno l’inflazione a solo il 2,5%, con il calo dei prezzi al consumo.

Il Bahrain si caratterizza per diversificare la sua base economica, in modo che il prodotto interno lordo (PIL) nel 2009 circa 13 miliardi di dollari, in crescita del 3,1%, era formato da importazioni non petrolifere nel 2009, per circa 571 milioni dollari, e le esportazioni non petrolifere, nello stesso anno sono state di un valore di 472.000.000 dollari.
Il contributo limitato del petrolio è inferiore al 12%, anche se è stato il primo stato del Golfo a scoprire il petrolio nel 1932.

Il Bahrain dispone anche di un sofisticato settore finanziario contribuisce al 27,6% del PIL. Manama può essere considerata come il centro finanziario più attivo nella regione, la presenza di più di 400 istituzioni finanziarie, è anche l’unico centro per la raccolta delle istituzioni finanziarie islamiche nel mondo.

Il Bahrain inoltre è stato uno dei primi paesi della regione che ha ottenuto l’adesione all’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) ed dunque vincolato a tutti gli accordi. Commerciali bilaterali e le relazioni economiche con i 43 paesi tra cui la Cina, Francia, India, Singapore, Regno Unito, così come l’accordo di libero scambio con gli Stati Uniti, un mercato molto grande di beni e servizi.

Il Regno è al primo posto tra i paesi arabi e al dodicesimo nel mondo nell’Indice della libertà economica per il 2012, secondo il rapporto pubblicato dalla “Heritage Foundation” in collaborazione con il Wall Street Journal, a rimanere l’unico paese della regione all’interno dei paesi venti di livello superiore in termini di libertà economica a livello globale.

E ancora Manama è l’unico paese del Medio Oriente e Nord Africa (MENA) che all’interno della lista delle venti più liberale economicamente in tutto il mondo a sovraperformare il resto dei paesi nel campo della alta libertà di fare impresa, il libero scambio, la libertà della politica fiscale, la spesa pubblica, la libertà di far circolare denaro contante, libertà di investimenti, budget finanziario, i diritti di proprietà, contro la corruzione e, infine, la libertà di lavoro. È anche uno dei paesi più aperti in materia di diritti politici, sociali e culturali.

Il Bahrain elargisce molti incentivi che li rendono l’ambiente economico competitivo favorevole attraverso la disponibilità di terreni e zone industriali supportate da infrastrutture sviluppate, aliquote fiscali basse e costi di gestione, permettendo la proprietà straniera fino al 100% in più del 95% delle attività e settori economici, senza la necessità di partner Bahrein, libertà di rimpatrio dei capitali e la rimessa dei profitti all’estero, l’esistenza di un sofisticato sistema stradale, la disponibilità di energia a prezzi accessibili, e la presenza di industrie di Kalolmenyum molto apprezzata nel settore petrolchimico.

Disponibile nei progetti economici il Bahrain è diventato fondamentale per le aziende italiane che sfruttano Khalifa Port, uno dei porti più grandi e più avanzati della regione, oltre alla presenza del Bahrain Logistics Zone, Bahrain Investment Wharf che è attualmente in fase di sviluppo per un valore di circa 1,6 miliardi di euro, il più grande progetto industriale sotto la supervisione di il settore privato del paese, il Bahrain International Investment, una delle più prestigiose zone industriali del mondo, Salman Industrial City, l’infrastruttura è il più avanzato della regione, la città di Bahrain Exhibition, infine una legislazione snella per la risoluzione delle controversie .

In Bahrain inoltre vi sono costi competitivi tra i più bassi dei paesi della regione in materia di costo della vita, salari e stipendi, affitti ufficio, elettricità e dei prezzi di acqua, si caratterizza anche per la disponibilità di manodopera qualificata e addestrati con gli stipendi competitivi. 2,9 sono i miliardi di dollari che verranno investiti in infrastrutture. 

A favorire il commercio i porti del Regno e la logistica aeroportuale che coprono tutte le aree ma sono favorite da una distanza minima, inferiore a qualsiasi punto della regione del Golfo, che consente il trasporto veloce ed efficiente delle merci. Per non parlare di una Bahrein collegamento, uno dei più grandi mercati della regione e il mondo rappresentato in Arabia Saudita attraverso la King Fahd Causeway, che è (23 miglia) dal centro di Manama, e Qatar tramite un ponte che dovrebbe essere completato entro l’anno 2015.

Ottimi i collegament aerei mondiali direttamente tramite l’aeroporto internazionale del Bahrain, in espansione per migliorare le sue prestazioni.

L’attrattiva del Bahrein sta anche nella sua competitività nels ettore finanziario e bancario, oltre ad un fiscale migliore del mondo (quarto posto) e la sua adozione dei migliori servizi e le più recenti reti e telecomunicazioni informatiche.