Sale la tensione tra USA e Bahrein

57

STATI UNITI – Washington. 15/07/14. Il Segretario di Stato John Kerry, secondo la testata Gulf News, ha espresso la profonda preoccupazione per l’espulsione dal Bahrain di un inviato americano.

Kerry ha anche detto il ministro degli Esteri, Khalid Bin Ahmad Bin Mohammad Al Khalifa in una «franca» telefonata di Domenica ha riferito che era dispiaciuto che la nazione del Golfo abbia negato a due leader del più grande movimento di opposizione sciita del Bahrain di incontrare un funzionario degli Stati Uniti all’inizio di questo mese, lo Stato maggiore funzionario del Dipartimento ha detto.

Il Bahrain ha ordinato all’Assistente del Segretario di Stato per la Democrazia, i Diritti Umani e del Lavoro, Tom Malinowski, di lasciare il paese la settimana scorsa, accusandolo di ingerenza negli affari interni del paese. 

Kerry «ha espresso profonda preoccupazione per l’espulsione», ha detto il funzionario. 

Il «Segretario Kerry ha ribadito che la nostra richiesta di avere un rappresentante del ministero degli esteri presente alle riunioni private tra diplomatici americani e personaggi politici del Bahrain è un requisito inaccettabile che va contro il protocollo diplomatico internazionale». 

La visita di Malinowski era stata coordinata in anticipo con il Bahrain, e il Dipartimento di Stato ha detto che era “ben consapevole” che funzionari del governo degli Stati Uniti si incontravano regolarmente con i vari movimenti politici ufficialmente riconosciuti. 

Ma Washington ha detto la settimana scorsa che il Bahrain improvvisamente ha insistito, senza preavviso e dopo la visita di Malinowski, di avere un rappresentante del ministero presente alle riunioni private dell’inviato, comprese quelle detenute presso l’ambasciata degli Stati Uniti. 

Kerry ha detto:  «le nostre preoccupazioni aumentano con le accuse da parte del governo del Bahrain contro esponenti dell’opposizione per la loro partecipazione a incontri con la segretaria americana». «Il segretario ha sottolineato che le nostre azioni devono essere coerenti con la nostra forte relazione bilaterale», e che entrambe le parti «ricomincino il processo di riconciliazione» in Bahrain. 

Le autorità pagano il religioso Ali Salman, capo dell’associazione Al Wefaq, e il suo assistente politico, ex deputato Khalil Marzouq, il contratto è in violazione con la legge delle associazioni del Bahrain che vieta qualsiasi contatto con un rappresentante di un governo straniero, hanno detto i procuratori. 

La Quinta Flotta della Marina statunitense è responsabile per le forze navali nel Golfo, ha sede in Bahrain.