Baghdad, continuano le proteste

11
IRAQ- Baghdad. 07/09/15. Le Proteste in Iraq hanno portato i politici ad acconsentire a un programma di riforme. Ma i cambiamenti sono lenti.
 
LEGGI TUTTO 
Molti manifestanti dicono di essere pessimisti circa un cambiamento reale in quanto alcune delle misure promesse non sono state effettuate. 
Baghdad è circondata dal clamore di protesta, un mare di bandiere irachene, venditori di caffè e bevande e di meloni, i manifestanti che cantano l’inno nazionale e inveendo contro i politici. I più pessimisti secondo la rivista Gulf News sono i giovani. 
“Voglio trovare un’opportunità di lavoro”, ha detto uno di loro, Yasir Abdul Rahman, 21 anni, laureato in ingegneria, ma rimane disoccupato. “Voglio costruire un paese. Voglio una opportunità “. Il suo amico Ali Hussain, 22 anni, ha lasciato l’università per sostenere la sua famiglia e ora lavora come tassista. Ha detto che anche lo spettro di attentati – qualsiasi spazio pubblico in questa città è pieno di pericoli – non lo avrebbe tenuto lontano dalla piazza.
“Stiamo solo pensando alle riforme”, ha detto. “Se si vuole cambiare, si devono fare dei sacrifici.”
 
Sono cinque venerdì che migliaia di giovani iracheni si sono riuniti in piazza Tahrir centro di Baghdad per chiedere un cambiamento. In un primo momento, le richieste erano piccole, come migliorare l’erogazionr dell’elettricità in mezzo a una ondata di caldo estivo. Ma l’elenco ora è cresciuto: elezioni della magstratura, processare i funzionati corotti, etc. Le proteste sono così fortida da mettere in ombra la lotta contro Daesh, la preoccupazione principale dell’Iraq nel corso dell’anno passato. Cambiamento, almeno sulla carta, è venuto rapidamente. Il primo ministro Haider Al Abadi ha annunciato una serie di misure radicali per placare i manifestanti. Ha detto che verranno azzerati i vertici governativi corrotti o troppo chiaccierati come le tre vicepresidenze; la fine delle quote settarie in politica; la riduzione dei ministeri; e una più accesa lotta alla corruzione. Diverse settimane dopo anche se alcune misur sono state prese, nulla è cambiato nel concreto: “Non abbiamo ancora notato nulla”, dice Ali Farras, 25, unitoso alle proteste. “E ‘solo inchiostro su carta.” Le proteste – e il sostegno per loro da parte dei membri l’establishment religioso sciita nella città santa di Najaf, la cui parola è finale per molti tra maggioranza sciita del Paese – hanno fornito l’occasione, così come copertura politica, per Al Abadi affrontare alcuni dei problemi più fastidiosi del paese.
Dal momento che le proteste sono iniziate, gli iracheni hanno notato un modesto miglioramento di energia elettrica, ma non molto altro.
“A parte questo, non ha davvero cambiato qualcosa per le persone in strada”, ha detto Sajad Jiyad, analista irachena con sede a Londra e Baghdad che a volte consiglia il governo. “Vuole soddisfare le esigenze della gente, ma non può andare troppo veloce per non turbare l’élite politica.” Vi è anche la preoccupazione che i leader delle milizie sciite che sono vicini all’Iran potrebbero sfruttare la rabbia per le strade per ottenere più potere. Le milizie sciite sono diventate sempre più popolari in Iraq perché le loro forze hanno avuto successo nella lotta Daesh e sono stati principali rivali di Al Abadi in una lotta intra-sciita per il potere. Già ora tra le file dei manifestanti i sono molti giovani che fanno parte delle milizie. “Se le attuali riforme risulteranno poco più che di facciata ciò significherà la fine della vita politica del primo ministro e grandi porzioni della classe politica”, ha detto l’International Crisis Group in un recente rapporto. “Al loro posto, i comandanti delle milizie cavalcheranno la rabbia popolare e supremazia militare al potere.
“Ci sono molti precedenti nella storia dell’Iraq”, prosegue il rapporto. “E ‘stato, dopo tutto, solo un anno fa, che [Daesh] utilizzato rabbia sunnita e un fulmine militare per imporre il dominio repressivo in gran parte del paese.”
Eppure, per la prima volta dopo tanto tempo agli iracheni sono stati dati lo spazio per esprimere rimostranze. Come a Beirut, dove mucchi di spazzatura nelle strade cittadine incitati manifestazioni popolari, le proteste qui si sono evoluti in un rimprovero più ampia dell’establishment politico. Sotto gli ordini per trattare le riunioni con i guanti, le forze di sicurezza irachene hanno protetto i manifestanti piuttosto che sparare, come hanno fatto nel 2011, quando gli iracheni, dopo le rivolte della primavera araba in Egitto e Tunisia, hanno cercato di fomentare la loro rivoluzione.
“La gente sta finalmente iniziando a esprimere le proprie opinioni”, ha detto il tenente Ali Thamir prima, un agente di polizia in servizio presso Tahrir durante un recente Venerdì. “E ‘davvero una grande esperienza per la gente. Le forze di sicurezza sono con il popolo. Noi li proteggiamo. ” Thamir ha continuato: “La gente è stanca per la mancanza di servizi. Corruzione. Elettricità. Il governo è fragile. “
Su un livello più profondo, le manifestazioni rappresentano una resa dei conti con l’eredità popolare americana qui, con il sistema politico corrotto e disfunzionale che è in vigore da quando le forze Usa hanno invaso nel 2003.
Per molti dei giovani manifestanti, l’invasione è l’evento più formativo della loro vita. Quando le bombe americani cominciarono a cadere, Abdul Rahman ha detto, “era terribile, ma i miei genitori mi ha detto che era buono.”
“Abbiamo pensato che sarebbe stata liberata”, ha aggiunto. “Hanno eliminato Saddam e ha portato un centinaio di Saddam”.
Il suo amico, Ali, ha detto con enfasi, “Questa protesta è stata istituita per demolire ciò che gli americani istituito.”
Soprattutto, molti manifestanti dicono, vogliono vedere funzionari di alto livello accusati di corruzione. Ciò si riflette nei canti frequenti a Tahrir per l’ex primo ministro Nouri Al Maliki per affrontare il processo. Al Maliki è stato sostituito la scorsa estate tra le chiamate internazionali di un leader più inclusiva di fronte all’offensiva da Daesh, che ora controlla circa un terzo del paese. “Il problema è che i politici non sono brave persone,” Abdul Sadr Aboud, 65, ha detto che mentre stava in piazza Tahrir. Ha detto che avrebbe lasciato l’Iraq se solo avesse potuto permettersi di pagare un contrabbandiere di farlo in Europa.”Hanno rubato i nostri soldi”, ha detto dei politici, che aggiunge: “Loro non hanno dato una parte del petrolio al popolo.”