Ziyadhanov non vuole l’estradizione

58

AZERBAIJAN -Baku 23711/2015. Akhmedkhan Idrisovich Ziyadhanov, cittadino russo arrestato il 26 ottobre in Azerbaijan mentre cercava di salire su un aereo Baku-Istanbul per andare in Siria e arruolarsi nello Stato Islamico, si rifiuta di tornare in Russia.

Lo riporta un comunicato del 23 novembre del ministero azero della Giustizia, citato dall’agenzia Trend il 23 novembre che cita fonti del ministero della Giustizia. Nel comunicato si legge che il detenuto non aveva chiesto l’estradizione: «Secondo la legge, se la persona detenuta non presenta al ministero della Giustizia una richiesta di estradizione, la sua estradizione in patria è illegale. Akhmedkhan Ziyadhanov non potrà quindi essere estradato in questa fase. Fino ad ora, il detenuto non ha presentato domanda» si legge nel comunicato che prosegue: «Al termine delle indagini preliminari sarà portato a processo e dopo il verdetto può essere discussa l’estradizione».
Ziyadhanovl, residente a San Pietroburgo, è nato nel 1989, e nel corso dell’inchiesta è stato accertato che ha dei precedenti penali in Russia: una condanna a due anni e sei mesi per furto e rapina. Dopo il suo rilascio, ha contattato i membri di un gruppo religioso radicale, con l’intenzione di attraversare l’Azerbaigian e la Turchia per entrare dentro Daash.