Chiusi i valichi tra Azerbaijan e Iran

101

AZERBAIJAN – Baku. 12/11/13. Secondo l’ambasciatore iraniano in Azerbaijan, Mohsen Pak Ayeen: «La situazione al confine iraniano-azero tornerà presto nella normalità».

A darne notizia l’agenzia Trend. L’ambasciatore ha negato le informazioni circa il deterioramento delle relazioni tra Baku e Teheran, e ha osservato che si detengono i negoziati per la soluzione di problemi che si stanno verificato al confine. Secondo l’ambasciatore, i disaccordi tra i paesi con hanno un lungo confine da controllare non è insolito. Tra l’Iran e l’Azerbaigian c’è un accordo sul confine e questi accordi consentono di risolvere tali dispute, ha riferito l’ambasciatore Pak Ayeen. Non solo, secondo l’ambasciatore iraniano visoni circostanze per cui l’Azerbaijan sta imponendo restrizioni al valico di frontiera tra Julfa e Bilasuvar e sta chiudendo Shahtakhti-Poldesht, valico di frontiera controllato dalle guardie azere.
Pak Ayeen ha anche detto che le relazioni tra l’Iran e l’Azerbaigian sono strategiche e cordialie, e ha aggiunto che la cooperazione in vari campi tra i due paesi continua normalmente.
A quanto si apprende i disordini sarebbero nati in seguito a un incidente sorto per il licenziamento di lavoratori azeri da parte di datori di lavoro iraniani che operavano come pulitori sulle rive del fiume Araz (repubblica autonoma di Nakhchivan). Questo avrebbe dato luogo a una sparatoria, le guardie di frontiera sono arrivate ​​sul posto dopo aver sentito gli spari. Nel corso dell’istruttoria, è emerso che due proiettili della mm calibro 7,62 colpito il radiatore, e un proiettile ha colpito il lato della cabina del trattore. La posizione del trattore e la direzione dei colpi dimostrano che il fuoco è stato aperto dall’Iran.
Secondo l’ambasciata iraniana, l’Azerbaigian ha chiuso il checkpoint Poldesht il 6 novembre a causa di movimenti sospetti sul confine. L’Iran ha chiuso valichi di frontiera al confine con l’Azerbaigian in Julfa (il Nakhchivan Repubblica autonoma) e Bilasuvar.