Il gas azero non è un competitor di quello russo

95

AZERBAIJAN – Baku. 04/05/14. Il gas azero non può essere considerato un grande concorrente del gas russo sul mercato europeo, in quanto i volumi della fornitura di gas azero verso l’Europa non saranno rilevanti al momento. Fonte Trend.

«Pensiamo che le nostre forniture di gas supplementare o alternative per l’Europa saranno un passo verso la diversificazione delle forniture all’Unione europea e noi riempiamo il divario tra le forniture e la domanda di gas per l’anno in cui il nostro gas sarà pronto per essere dotazione per
l’Europa», ha affermato il vice – presidente della compagnia petrolifera di Stato dell’Azerbaigian (Socar) per il Marketing e gli Investimenti, Elshad Nasirov. Il vicepresidente ha detto di non credere che l’Azerbaigian deve usare le aziende come SOCAR o la produzione di gas come strumento contro qualcuno. «Il nostro obiettivo è quello di diversificare le forniture di gas verso l’Unione europea», ha sottolineato in un’intervista al canale televisivo CNN. «L’Azerbaigian è interessato a diventare un partner energetico affidabile per l’Europa». «Allo stesso tempo siamo pronti a fornire gas verso destinazioni più brevi, i nostri vicini, come Georgia, Russia, Turchia», ha osservato. Parlando del prezzo del gas fornito, il vice-presidente della Socar ha detto che si basa sui prezzi di hub e di
mercato. «Se le forniture di gas verso l’Europa saranno sufficientemente redditizie vi forniremo ulteriori volumi di gas», ha sottolineato Nasirov. Il gas sarà fornito come parte del Corridoio meridionale del gas – un progetto che permetterà all’Europa di diversificare la propria offerta di fonte di idrocarburi e aumentare la sicurezza energetica, mentre l’Azerbaigian entrerà meglio in un nuovo mercato, quello dell’Europa. La decisione di investimento finale è stata presa durante la seconda fase dello Shah Deniz offshore gas, e lo sviluppo del campo di condensa, il 17 dicembre 2013. In quell’occasione si decise che circa 10 miliardi di metri cubi di gas dal campo sarebbero stati forniti al mercato europeo. Il gas all’interno della seconda fase di sviluppo del campo sarà esportato verso la Turchia e i
mercati europei attraverso l’espansione del gasdotto del Caucaso meridionale e la costruzione dei gasdotti Trans – anatolico e Trans – Adriatico (Tanap e Tap). Il contratto per lo sviluppo del giacimento offshore di Shah Deniz, che ha scorte accertate di 1,2 trilioni di metri cubi di gas, è stato firmato il 4 giugno 1996. I partecipanti allo sviluppo del giacimento di Shah Deniz sono la compagnia petrolifera di Stato dell’Azerbaigian (SOCAR) con una quota del 16,7 per cento, la britannica BP (28,8 per cento), la norvegese Statoil (15,5 per cento), l’iraniana NICO (10 per cento), la francese Total (10 per cento), la russa Lukoil (10 per cento), la turca TPAO (9 per cento).