Esercito azero pronto a ogni missione

33

AZERBAIJAN – Baku. 31/01/14. Il Ministero della Difesa dell’Azerbaijan ha detto che la morale e la prontezza al combattimento dei militari hanno raggiunto un livello record, fonte Azer News.

Secondo il Portavoce del ministero della Difesa, il tenente colonnello Vagif Dargahli «Il morale e la prontezza al combattimento dell’esercito sono sufficienti a sconfiggere il nemico. La morale e il patriottismo delle truppe sono ad un livello elevato, pronte soddisfare qualsiasi missione di combattimento», ha dichiarato.

Il Portavoce, ha anche notato che sono state prese diverse misure per rafforzare la prontezza al combattimento delle forze armate. Nel frattempo, varie operazioni sono in corso per migliorare le capacità militari del paese. Queste operazioni sono fatte sotto il costante controllo della leadership del Ministero. Per quanto riguarda le informazioni da parte dei media stranieri circa l’imminente inizio della guerra tra Azerbaijan e Armenia, ha detto che «l’Azerbaigian non dovrebbe fare affidamento su ipotesi, ma su fatti, ma l’evidenza suggerisce che la situazione in prima linea rimane tesa».

Egli ha osservato che il numero di violazioni del cessate il fuoco sulla linea di contatto delle truppe azere e armene hanno intensificato di recente. Dal 21 gennaio – 29 gennaio il cessate il fuoco è stato rotto 1.380 volte e in tutti i casi la rottura è stata messo a tacere da scontri a fuoco. La maggior parte delle violazioni del cessate il fuoco si osservano nella direzione di Fizuli, Agdam, tartaro, Goranboy, Khojavend, le regioni Djebrail .

«Ci sono molte cause dietro le tensioni viste in questi ultimi giorni in prima linea», ha detto Dargahli. Come risultato della vigilanza dei nostri soldati tentativi di ricognizione e sabotaggio da parte dei gruppi nemici sono stati soppressi e sono stati costretti a ritirarsi», ha osservato.

Armenia ha occupato oltre il 20 per cento dei riconosciuta a livello internazionale il territorio dell’Azerbaigian, tra cui il Nagorno- Karabakh e sette regioni limitrofe, dopo la posa rivendicazioni territoriali contro il suo vicino di casa Caucaso meridionale che ha causato una guerra brutale nei primi anni 1990.

Quattro risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sul ritiro armeno non sono state applicate fino ad oggi .

I colloqui di pace , mediati dalla Russia, Francia e Stati Uniti e il Gruppo di Minsk dell’OSCE sono in corso sulla base di uno schema chiamato Madrid Principio – proposto dal Gruppo di Minsk copresidenti pacifica. I negoziati sono stati in gran parte inutili finora.

Armenia viola costantemente il cessate il fuoco sulla linea di contatto delle truppe azere e armene, e queste violazioni si sono intensificate di recente, raggiungendo 200 violazioni al giorno.