AUSTRIA. Berlino ha spiato obiettivi austriaci per gli USA

115

L’Austria ha invitato la Germania a chiarire completamente le accuse secondo le quali agenti dei servizi segreti tedeschi hanno sistematicamente spiato politici, organizzazioni internazionali e aziende sul territorio austriaco, come riportato da due giornali il 16 giugno. Tra il 1999 e il 2006, il servizio di intelligence federale tedesco Bnd ha spiato circa 2.000 obiettivi presso istituzioni politiche, organizzazioni internazionali, banche, aziende e produttori di armi in Austria, riportano Der Standard e Profil.

«Non ci deve essere nulla di simile tra gli Stati amici», ha dichiarato il Cancelliere Sebastian Kurz a Vienna, assieme al Presidente austriaco Alexander van der Bellen, riporta Reuters. «Il nostro desiderio è naturalmente quello di sapere chi è stato monitorato, quando la sorveglianza è terminata, e naturalmente vogliamo avere la certezza che è stata interrotta», ha detto Kurz. Le accuse, secondo cui i servizi segreti tedeschi avrebbero aiutato gli americani a spiare funzionari e imprese europee, sono apparse per la prima volta nel 2014 e l’Austria ha presentato una denuncia un anno dopo.

Ma la pura e semplice estensione delle attività di spionaggio, se verificata, è cosa nuova, ha detto Kurz. Il cancelliere austriaco ha dichiarato che il suo governo è stato in contatto con le autorità tedesche e che Berlino sembra disposta a cooperare: «Siamo fiduciosi che la Germania sia disposta a chiarire le accuse e a fare trasparenza», ha affermato, aggiungendo che attualmente non vi è alcuna indicazione che lo spionaggio sia continuato dopo il 2006.

Der Standard e Profil hanno dichiarato che le loro informazioni si basavano su file Bnd, forniti loro da una fonte tedesca. I due media hanno analizzato un elenco, che comprendeva circa 2.000 obiettivi, tra cui l’Agenzia internazionale per l’energia atomica, Aiea, le ambasciate degli Stati Uniti e quella iraniana, l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, Opec, così come i ministeri austriaci, banche, società e agenzia di stampa, come Apa.

Luigi Medici