AUSTRALIA. Più immigrati fuori dalle grandi città

35

Il governo australiano ha detto che sabato sta aumentando il numero di visti per i lavoratori qualificati disposti a migrare verso le regioni del paese nel tentativo di alleviare la pressione sulle grandi città, dove la popolazione sta crescendo due volte più velocemente che altrove. Il governo aumenterà l’ingresso nell’ambito del suo programma regionale di migrazione da 23.000 a 25.000, secondo una dichiarazione rilasciata dall’ufficio del Primo Ministro Scott Morrison, ripresa da Reuters.

Questo non significa, tuttavia, che l’Australia prenderà più immigrati. Il governo conservatore di Morrison ha tagliato l’assunzione annuale di immigrazione a 160.000 persone a partire dal 1° luglio, contro le 190.000 di prima. I 25.000 visti per coloro che vogliono vivere in città e regioni più piccole fanno parte del limite massimo annuo di immigrazione.

Secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, Ocse, quasi un terzo della popolazione residente in Australia è nato all’estero. L’Australia, un paese altamente urbanizzato con uno dei più alti tassi di crescita demografica dell’Ocse, ha circa due terzi della sua popolazione che vive nelle capitali degli stati e dei territori, secondo i dati del censimento governativo del 2016.

Tra il 2017 e il 2018 il numero di persone che vivono in quelle città è aumentato al doppio del numero di persone che vivono al di fuori di esse, come mostrano dati governativi recenti. La crescita della capitale ha rappresentato il 79% della crescita demografica totale dell’Australia.

«Stiamo usando il nostro programma di migrazione per sostenere le nostre regioni per aumentare la pressione demografica sulle nostre grandi capitali e, sostenendo regioni forti, stiamo creando un’economia ancora più forte per l’Australia», ha detto Morrison.

I migranti disposti a vivere in località diverse da Melbourne, Sydney e Brisbane avranno accesso a processi prioritari e i laureati internazionali che vivono in queste località potranno richiedere più tempo in Australia con un visto di lavoro post-studio.

Maddalena Ingrao